Bonus part time. Come farne richiesta

Cos’è il Bonus Part Time?

Il Decreto Aiuti ha previsto una serie di Bonus volti a sostenere economicamente i cittadini italiani che si trovano in difficoltà a causa dell’aumento dell’inflazione e del caro vita. Tra questi, con l’articolo 2 bis del Decreto Legge Aiuti n. 50 del 17 maggio 2022, è stato messo a disposizione un nuovo bonus una tantum di 550 euro per tutti i lavoratori dipendenti di aziende private, con un contratto part time a ciclo verticale. Il limite di spesa è stato fissato a 30 milioni di euro per l’anno 2022.

Il 13 Ottobre 2022, infatti, l’INPS ha comunicato, tramite la Circolare n.115, la possibilità di accedere alla piattaforma telematica attraverso la quale è possibile effettuare la domanda del nuovo Bonus, entro la scadenza fissata per il 30 Novembre 2022.

Prima di parlare di come ottenere il bonus e a chi spetta, capiamo cosa si intende per contratto part time a ciclo verticale. Sono categorizzati come contratti part time a ciclo verticale, tutti quegli accordi in cui il lavoratore svolge la prestazione lavorativa a tempi alterni, per cui in alcuni periodi dell’anno rende la prestazione lavorativa e in altri rimane inattivo (per un periodo minimo di almeno un mese).

Quali sono i requisiti?

L’erogazione dell’indennità ha come obiettivo quello di sostenere e supportare i cittadini che al momento si trovano in difficoltà economica e dunque, necessitano di un aiuto per far fronte al caro vita e all’aumento delle bollette. Per questo motivo, il Governo richiede che il beneficiante del bonus una tantum, soddisfi alcuni requisiti minimi:

  • Il beneficiario deve avere un contratto part time a ciclo verticale, con interruzione della prestazione lavorativa di almeno un mese in via continuativa e, nel complesso, tra le 7 e 20 settimane.

  • In aggiunta, il lavoratore non può essere titolare di un altro rapporto di lavoro dipendente

  • Non possono richiedere l’indennità tutti coloro i quali stanno già percependo la NASpI online (indennità di disoccupazione) o la pensione di vecchiaia.

Sarà invece possibile ricevere il bonus di 550 euro se si sta già percependo l’assegno ordinario di invalidità.

Il Bonus Part Time può essere erogato una sola volta dall’INPS tramite la piattaforma digitale messa a disposizione sul loro portale ufficiale, inoltre non concorre alla formazione del reddito.

Come fare domanda?

Il processo per richiedere l’indennità una tantum di 550 euro è semplice e veloce. I lavoratori dovranno fare domanda tramite il portale ufficiale dell’INPS entro il 30 Novembre 2022. I passaggi necessari sono:

  • Accedere al sito ufficiale dell’INPS

  • Selezionare la sezione “Prestazioni e servizi” → “Servizi”

  • Cliccare su “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”

  • Accedere all’area personale

  • Infine, devi selezionare “Indennità una tantum per i lavoratori a tempo parziale a ciclo verticale”.

Per accedere all’area personale è possibile scegliere 3 modalità di accesso: SPID, CIE o CNS. Qualunque modalità scelta non avrà alcun impatto sulla domanda del bonus. Al contrario, non è più possibile accedere tramite il PIN.

Se invece non vuoi fare domanda in via telematica tramite il sito ufficiale dell’INPS, è possibile richiedere l’indennità tramite il numero verde gratuito 803 164 (da numero fisso) oppure tramite il numero 06 164 164 (da cellulare). O presso caf o patronati.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

The Economist ci vede così. Spaghetti, pizza e ingovernabilità. Bernardelli: Ha torto? No, ma guarda solo da Roma in giù

Articolo successivo

Dati Istat - Istruzioni per risparmiare? Vediamo come sono cambiati i nostri consumi e le... rinnovabili