BONI (LEGA) INDAGATO PER CORRUZIONE. BUFERA IN REGIONE

di REDAZIONE

La notizia dell’indagine per corruzione a carico del presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni (Lega), ha raggiunto il Pirellone durante la seduta dell’Aula, poco prima della pausa pranzo. Il Consiglio sta discutendo della nuova legge sull’edilizia, ma ovviamente in pochi minuti le accuse a Boni sono diventate l’argomento di conversazione alla buvette. Per ora non c’è stata alcuna reazione ufficiale da parte dei gruppi, ma il caso politico è aperto, anche perchè Boni è accusato di corruzione dopo che lo stesso è capitato ai due vicepresidenti che erano stati eletti con lui all’inizio della legislatura, Filippo Penati (Pd) e Franco Nicoli Cristiani (Pdl) già sostituiti dopo le dimissioni dall’incarico nell’Ufficio di presidenza, così come è accaduto con il consigliere segretario Massimo Ponzoni (Pdl).

Alle agenzie è giunta la pronta replica dell’interessato: “Confermo che in data odierna – ha dichiarato Boni – mi è stata notificata un’informazione di garanzia contestualmente a una perquisizione negli uffici della mia segreteria». «In relazione ai fatti oggetto di contestazione – ha proseguito il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, indagato per corruzione – anticipo fin d’ora la mia totale estraneità. Nel contempo confermo la mia piena disponibilità a chiarire la mia posizione e la mia estraneità con gli organi inquirenti, in modo da poter fare piena luce sulla vicenda nei tempi più rapidi possibili”.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo e Paolo Filippini vede quattro persone indagate e che oggi sono state perquisite. Oltre a Boni, è indagato per concorso in corruzione il suo portavoce, Dario Ghezzi.L’indagine è nata dal fascicolo per tangenti che l’anno scorso aveva colpito il Comune di Cassano D’Adda e in particolare dalle dichiarazioni rese dall’architetto Michele Ugliola e, da quanto trapela, da una fonte leghista.

Print Friendly, PDF & Email

6 Comments

  1. Boni è un mantovano come me.. faceva parte della circoscrizione mantovana dell’oglio po.. circoscrizione che a mantova ha egemonizzato tutto e che io quando ero in lega ho sempre combattuto.. hanno sempre fatto politica per le poltrone ben pagate e fino ad ora gli era sempre andata bene.. vediamo come andrà a finire questa storia ma qui tutti se l’aspettavano che prima o poi succedesse una cosa simile..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L'INQUISIZIONE FISCALE SI E' MATERIALIZZATA

Articolo successivo

IL VENETO NON È LA COLONIA PENALE DELL’ITALIA. NO A RIINA A PADOVA!