Salvini, raccolte 100mila firme per il referendum Veneto

di REDAZIONE

«Dopo lo straordinario successo e la grandissima partecipazione popolare di questo fine settimana, è quanto mai necessario che il Consiglio Regionale proceda urgentemente nel voto del progetto di Legge 342 per l’indizione del referendum per l’indipendenza del Veneto». Lo dichiara l’europarlamentare Mara Bizzotto, vicesegretaria veneta della Lega Nord, dopo il fine settimana di raccolta firme organizzato dalla Lega Nord in oltre 500 piazze del Veneto a sostegno del referendum per l’indipendenza. «La spinta popolare e le firme raccolte in questo week end stanno a dimostrare che i Veneti vogliono potersi esprimere sul proprio futuro con un referendum libero e democratico – continua l’eurodeputata Bizzotto – Dopo questa 2 giorni, non è più ammissibile l’ostruzionismo di quei partiti, come il Pd, che in Consiglio Regionale vorrebbero impedire a 5 milioni di Veneti di votare sulla propria indipendenza da Roma».

SALVINI: HANNO PAURA DI NOI, RACCOLTE 100 MILA FIRME

«Se mettono il bavaglio alla Lega vuol dire che ne hanno paura»: lo ha detto, parlando a Radio Padania, il segretario federale del Movimento, Matteo Salvini a proposito della raccolta di firme che la Lega sta facendo in Veneto a sostegno di un referendum per l’indipendenza della regione. Al conduttore che gli chiedeva se ci sia un boicottaggio dei media che «non hanno scritto nulla sul referendum nonostante 100mila firme già raccolte», Salvini ha replicato «non ne parlano i media, ne parleremo noi».

A VERONA 13MILA FIRME

«Non avrei mai immaginato un’adesione così entusiastica, questa d’ora in poi sarà la principale battaglia della Lega». Il segretario provinciale del Carroccio, Paolo Paternoster, parla di quasi 13mila firme raccolte nel fine settimana a sostegno della richiesta di referendum consultivo sull’indipendenza del Veneto. In città e in tutta la provincia la Lega ha schierato 108 gazebo.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Crimea indipendente, referendum anticipato al 30 marzo

Articolo successivo

Proteste in Venezuela, bloccato il confine con la Colombia