Bixio fu un carnefice e Garibaldi fu il suo comandante

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Gli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu “Sicilia Indipinnenti” esprimono apprezzamento per l’iniziativa del Sindaco di Capo d’Orlando, Enzo Sindoni, di apporre appropriate didascalie, tanto alla “targa” della Piazza dedicata a Garibaldi, quanto a quella della Piazza dedicata al “sanguinario” generale Nino Bixio. Insomma: due didascalie veramente “istruttive”, soprattutto per tutti quei Siciliani ai quali, con un ultrasecolare lavaggio di cervello, si è imposto un mito risorgimentale falso e bugiardo, “sostitutivo” di verità e di realtà orrende, che non escludevano campi di concentramento, campi di sterminio e “genocidi”.

Vergogna!!!

E certamente orrenda fu la conquista “anglo-piemontese-garibaldino-mafioso-camorrista e…. ungherese (ci riferiamo alla legione di mercenari ungheresi forte di oltre 20.000 uomini), che ridusse in colonie di sfruttamento la Sicilia e la parte continentale del Regno delle Due Sicilie. Realtà nazionali, queste, di gran lunga più civili, più ricche, più moderne, più industrializzate di quanto non fosse la media delle regioni centro-settentrionali dell’epoca, già sottoposte alla dinastia sabauda.

Per la cronaca, ci permettiamo di puntualizzare che gli Indipendentisti dell’FNS “Sicilia Indipendente” candidati nella lista “POPOLO DEI FORCONI – FERRO PRESIDENTE – FNS”, hanno rinnovato l’impegno di lottare per riaffermare e rivendicare il diritto alla verità ed il diritto al recupero della memoria storica come diritti fondamentali, imprescrittibili ed irrinunciabili del Popolo Siciliano.

A N T U D U!

Il Presidente FNS (Corrado Mirto) – Il Segretario Politico Nazionale FNS (Giuseppe SCIANÒ)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Usura: in Piemonte coinvolte 6 mila persone per 680 milioni di euro

Articolo successivo

Esclusivo: trovato morto in Italia il Conte Dracula!