Bitonci: che vergogna il decreto salva-Roma

di REDAZIONE

«Che vergogna, la maggioranza si prepara a ratificare l’ennesimo regalo del governo Letta a Roma capitale mentre i comuni virtuosi del Veneto, che proprio l’altra settimana sono andati a Roma per protestare, sono sempre in maggiori difficoltà». Lo afferma in una dichiarazione Massimo Bitonci. «Ci sono – aggiunge il capogruppo della Lega Nord al Senato – due pesi e due misure: a Roma arriva lo sconto di ben 115 milioni sul debito mentre per i nostri enti locali virtuosi ci sono solo porte sbattute in faccia. Basta assistenzialismo, basta regali a Roma capitale. Il sindaco Marino per pagare i suoi debiti tagli gli sprechi. Noi al Senato contro questa misura faremo opposizione durissima».

Print Friendly, PDF & Email

7 Comments

  1. Gia’, io vorrei l’INDIPENDENZA e la SCALA MOBILE (ah ah) tolta quest’ultima perche’ risanava l’itaglia stato..!

    Ma quante schifezze che ci hanno raccontato e che ci raccontano..??

    E avete notato che I media trikoloriti stanno facendo i POMPIERI…

    Avanti con i forconi kax… e, viva i pompieri di Viggiu’ che quando passano i cuori INFIAMMANO…

  2. Ma insomma, certe ingiustizie non possono essere accettate bisognerà pure fare qualcosa…
    Si leggono anche cose incredibili sui quotidiani. la Bonino che manda 10 milioni al Liibano per la sistemazione di siiti archeologici. Come se qui da noi non ce ne fossero.

  3. http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:2010;156

    Bitonci si vergogni quando si specchia la mattina, perche’ il DECRETO ROMA CAPITALE n. 156 del 17/09/2010 e’ stato votato dalla Lega Nord.
    Tra l’altro “…su proposta del Ministro per le Riforme e il federalismo…” indovinate chi era.
    Leggete il link e cominciate ad insultarli.
    Ma la Lega Nord e’ per l’indipendenza da cosa? dalla Svizzera?

    • Ma nel 2010 era mooolto diverso! Regnava il Banana e i cortigiani erano perfettamente consci delle rispettive mansioni, la Lega per prima.

Rispondi a gigi ragagnin Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Viva il Comune di Covo, il piccolo non è il male assoluto

Articolo successivo

Le pensioni sono un furto generazionale. Ai giovani: dimenticatevela!