/

Trenzano, battaglia case requisite. La Lega sta con i prefetti?

di ANDREA BIANCHItrenzano4

Nei giorni scorsi mi avevate pregato di coinvolgere anche altri Sindaci in questa lotta intrapresa a difesa degli #ITALIANI, e così ho iniziato ad impegnarmi in tal senso. In tutta sincerità devo confidarvi che credevo fosse molto meno complicato.

Oggi 12 colleghi BRESCIANI, tutti riconducibili all’area di #Centrodestra, hanno condiviso e sottoscritto la risposta alla convocazione inviataci dal Prefetto, che qui vi propongo. A dire il vero, questa è la versione edulcorata rispetto alla mia prima bozza. Ma va bene così.

Altri, purtroppo, mi hanno espresso il loro consenso fuori tempo massimo, e per questo ci siamo impegnati a risentirci per ulteriori e future iniziative. Tra questi, per esempio, i Sindaci di Pisogne e di Rudiano.

Altri ancora, invece, hanno preferito declinare l’invito: chi prendendo tempo e prendendomi anche un po’ in giro; chi adducendo invece a scuse che non sto qui a riferivi poiché non ne varrebbe la pena. Sorprende, e spiace, che tra quest’ultimi ci siano anche Sindaci iscritti a partiti che non ti aspetteresti come Fratelli d’Italia e Lega Nord.

Significativo ritengo il caso del Sindaco di Rovato, Roberta Martinelli (leghista), la quale mi ha comunicato di non poter sottoscrivere questa lettera perché incaricata dal Prefetto di Brescia, colui che ha minacciato di requisire strutture PUBBLICHE e PRIVATE immediatamente utilizzabili per alloggiare gli immigrati, di trovare sul territorio limotrofo al suo, ma non a Rovato, soluzioni alloggiative per una quota dei 100 clandestini sbolognati dal Governo Renzi alla Provincia di Brescia e che arriveranno entro il fine settimana. Vedi qui: http://www.giornaledibrescia.it/in-citta/nuovi-profughi-in-arrivo-sindaci-chiamati-a-fare-rete-1.1908153

Tanto vi dovevo. I CITTADINI DEVONO SAPERE!trenzano4

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Caro Reguzzoni, io sto con Magdi Allam e non con i tagliatori di gole

Default thumbnail
Articolo successivo

Intesa San Paolo, utili per tutti?