Bernardelli. La Lega molla quota 100. Ma non erano quelli che volevano difendere le pensioni del Nord?

di Roberto Bernardelli – Avete sentito le dichiarazioni del capogruppo alla Camera della Lega Salvini Premier?”Non pretendiamo la proroga della quota 100 anche se ci piacerebbe. Ma e’ evidente che non possiamo pensare che, in un momento come questo, si possa tornare alla legge Fornero: serve un sistema che garantisca la fuoriuscita dal lavoro anticipata e permetta ai giovani di entrare nel mondo del lavoro”. Cosi’ il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, in dichiarazione di voto alla Camera sulla fiducia al governo di Mario Draghi.

Ma come?! Avevano persino raccolto 500mila firme per abolire la Fornero, avevano detto che Quota 100 non era trattabile, poi se ne può fare a meno. Ma d’altra parte sino a ieri la Lega non voleva l’euro e ora a moneta unica è un dogma che non si tocca. Prima l’Europa era il problema, ora il problema è chi non la vuole. Figuriamoci se si parla di pensioni e del credito contributivo che può tranquillamente vantare il Nord sul fronte previdenziale…

Ma sembra roba vecchia. Un lavaggio con il detersivo Draghi e si candeggia tutto. Ora diteci che previdenza volete, che riforma delle pensioni sta per arrivare. Forza, capitani coraggiosi.

Onorevole Roberto Bernardelli – Presidente Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Dopo solo 8 mesi cambio del direttore generale del welfare lombardo

Articolo successivo

Arresto rapper Hasel, vicepremier anche contro Podemos che difende libertà espressione