Bernardelli: ciao Orini, combattente per la libertà della nostra terra. Basterebbe copiare la dichiarazione di indipendenza americana

 

di Roberto Bernardelli – Un affettuoso e forte ricordo dell’amico Giancarlo Orini, indipendentista convinto, scomparso ieri lasciando sgomenti tutti noi. La surreale vicenda del tanko del 2014 mi ha permesso di conoscerlo e di apprezzarne le qualità umane. Mentre vanno da parte di Grande Nord le condoglianze alla famiglia, mi sia permesso ricordare la memoria di Giancarlo parlando di ciò che ci sta più a cuore. La libertà della nostra terra.

Abbiamo perso il conto dei referendum, dalla devolution ad altri sulle competenze nuove dello Stato  e delle regioni, e un altro quesito sull’autonomia avanza in Lombardia e Veneto. Ben venga tutto! Ma perché non ci presentiamo a Roma a trattare, con la dichiarazione di indipendenza americana? Sta tutto già scritto, da secoli. E noi invece siamo qui a menarcela ancora con le trattative romane. Fate voi….

“Quando nel corso degli umani eventi diviene necessario, per un popolo, sciogliere i legami politici che lo hanno connesso con un altro e assumersi, fra i poteri della terra, lo stato di separazione e di uguaglianza che le leggi di Dio e della Natura gli garantiscono, un onesto rispetto delle opinioni dell’umanità, richiede che esso debba dichiarare i motivi che lo spingono alla separazione. Noi Consideriamo queste verità evidenti ad un esame attento: tutti gli uomini non sono creati uguali. Tutti gli uomini hanno diritto alla vita, alla libertà e al conseguimento della felicità ma queste cose non devono venire garantite a nessuno a spese della libertà degli altri, del conseguimento della felicità degli altri. I governi istituiti dagli uomini, per garantire questi diritti, debbono trarre il loro giusto potere dal consenso dei governati. Un governo che fallisca sia nel proteggere i diritti di un popolo sia nell’assicurarsi il suo consenso, diviene distruttivo rispetto al conseguimento di questi fini ed è diritto del popolo modificarlo o abbatterlo, istituendo un nuovo governo che basi la propria fondazione su tali principi e organizzi il proprio potere in forme tali che al popolo sembri massimamente probabile che ciò promuova sicurezza e felicità”.

 

Onorevole Roberto Bernardelli, presidente Grande Nord

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Le quattro strade che portano all'indipendenza

Articolo successivo

Tra Dpcm e sovranismo, l'eutanasia della nostra democrazia