Il Pdl: “Non c’è miglior premier di Berlusconi alle elezioni del 2013”

di REDAZIONE

Il Pdl,compatto, lancia Silvio Berlusconi per le prossime elezioni politiche di primavera. Lo fa dall’Abbazia di Casamari, nel frusinate, dove oggi si sono ritrovate circa cinquecento persone tra amministratori e simpatizzanti del partito. Presenti Antonio Tajani, l’europarlamentare Alfredo Pallone, il presidente del Consiglio regionale del Lazio Mario Abbruzzese e il presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli.

Tutti i presenti a Casamari si sono trovati d’accordo sul ritorno da protagonista di Silvio Berlusconi. ” Berlusconi – ha detto il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese durante il suo intervento all’Abbazia di Casamari – esiste se ritorna protagonista tra la gente e noi le’ cosi’ che lo vogliamo”. L’incontro a Casamari è stata l’occasione anche per raccogliere le firme per la petizioneÿsull’elezione diretta del presidente della Repubblica, lanciata nei mesi scorsi dal presidente Silvio Berlusconi e che il Pdl sta portando avanti in tutta Italia.

”Con l’incontro di oggi – ha aggiunto- abbiamo voluto riunire tutti i nostri amministratori locali e simpatizzanti per testimoniare, in quanto esponenti politici del Pdl, non solo che siamo al loro fianco ma che intendiamo costruire ÿtutti insieme un programma politico che contribuisca ad arricchire quello che il partito a livello nazionale deciderà di presentare ai propri elettori alle prossime elezioni politiche”. “I cittadini – ha proseguito Abbruzzese – hanno diritto a risposte concrete e noi oggi abbiamo voluto dimostrare che questo il Pdl e’ in grado di farlo”. Anche per Alfredo Pallone l’ex premier deve tornare alla guida del Paese. ” Oggi nel centrodestra sia a livello politico sia come societa’ civile – ha aggiunto Pallone – non c’è miglior candidatura di quella di Silvio Berlusconi”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

"THE HOBBIT", IL TERZO FILM DELLA TRILOGIA NEL 2014

Default thumbnail
Articolo successivo

Tosi: accordo possibile col Pdl se dà la Lombardia alla Lega