Berlino usa i droni per trasportare velocemente i test Covid e in futuro il vaccino

Un laboratorio tedesco spera di ridurre il tempo necessario per inviare i test del coronavirus attraverso Berlino utilizzando droni, evitando così le strade trafficate della capitale. La società californiana Matternet sta attualmente testando le consegne tramite droni tra un ospedale e Labor Berlin, uno dei più grandi laboratori d’Europa. Il percorso è di circa 11 chilometri e i funzionari si aspettano di ridurre i tempi di consegna da circa un’ora a 10 minuti quando il servizio sulla rotta inizierà a gennaio. Alla fine, la speranza è che i droni forniscano consegne regolari al laboratorio da sei punti intorno a Berlino, riducendo i minuti vitali dei tempi di consegna per i test Covid-19.

“L’intero argomento del ‘tempo per il risultato’ è davvero importante, soprattutto quando c’è il sospetto di un’infezione”, ha spiegato Klaus Tenning, che guida il progetto per Labor Berlin, “si vuole identificare la persona e ottenere il risultato il prima possibile in modo che chi si è sottoposto al test possa autoisolarsi o riprendere le proprie attività quotidiane”.

Ogni rotta sarà servita da due droni che teoricamente possono volare 24 ore al giorno. Le batterie del drone vengono semplicemente cambiate quando si stanno scaricando, eliminando il tempo di ricarica. Ogni drone può trasportare circa 40 campioni. Non saranno solo i test Covid a essere trasportati, ma tutti i campioni che devono essere esaminati in un laboratorio.

Secondo l’agenzia tedesca per il controllo delle malattie, il Robert Koch Institute, 175 laboratori in Germania hanno una capacità di test Covid-19 combinata di 307.000 al giorno. Ogni settimana vengono eseguiti oltre un milione di test Pcr standard, alcuni presso centri di test designati, ma anche negli studi medici e negli ospedali. Tenning ritiene che ci siano margini di miglioramento quando si tratta di consegnare i campioni da alcuni siti di test ai laboratori. “Una situazione di emergenza come una pandemia può portare a cambiamenti e innovazioni più rapidi”, ha affermato. Matternet sta già utilizzando sistemi di consegna di droni simili in Svizzera e negli Stati Uniti, ma Berlino avrà il primo sistema di questo tipo nell’Unione europea. L’azienda sta aspettando che i nuovi regolamenti sui droni entrino in vigore il 30 dicembre prima di iniziare le normali operazioni. Se un motore si guasta inaspettatamente, i droni hanno un paracadute. Possono anche rilevare altri velivoli, come gli elicotteri, e il centro di controllo sarà collegato alle operazioni degli elicotteri per evitare che un drone voli nella stessa area. Ma per la maggior parte i droni sono completamente autonomi. “Partono da soli e seguono un percorso predefinito e poi atterrano autonomamente a destinazione”, ha affermato Alex Norman, project manager di Matternet. La prossima fase della pandemia di coronavirus inizierà probabilmente quando i vaccini saranno disponibili. In questa fase non ci sono piani concreti per utilizzare i droni per spedire le dosi, ma potrebbe essere una possibilità in futuro, ha detto. Matternet sta sviluppando custodie a temperatura controllata che potrebbero permettere la conservazione a temperature molto basse di cui hanno bisogno alcuni vaccini.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Bernardelli: sono maturi i tempi per la web tax, ma la politica che non lavora non capisce

Articolo successivo

Avanti così a rischio nei prossimi 5-7 anni fino a 9 milioni di posti di lavoro