Benzinai chiusi in autostrada. La denuncia: aree di servizio in “assoluto degrado”. E noi strapaghiamo….

Le aree di servizio autostradali rimangono chiuse per sciopero sino alle ore 22 venerdì  16 dicembre prossimi. Lo hanno ribadito in una nota congiunta, dopo l’annuncio di due settimane fa, Anisa-Confcommercio, Faib e Fegica, i sindacati che rappresentano la categoria dei gestori degli  impianti autostradali. lamentando “lo stato di assoluto degrado a cui sono state sottoposte le aree di servizio autostradali, sia in termini di prezzi dei carburanti e della ristorazione, del tutto abnormi e fuori mercato, sia in termini di standard qualitativi“. “In questi giorni – proseguono i gestori – circola ancora una ‘bozza’ di Decreto Interministeriale che ha il solo scopo di perpetuare le condizione di privilegio acquisite dalle società concessionarie (private) a scapito dell’interesse degli automobilisti (anche professionali) costretti a pagare pedaggi capestro, carburanti più cari ed un panino come se fosse acquistato nel centro di Tokyo“. “Insieme alla proclamazione dello sciopero – conclude la nota – le Organizzazioni di Categoria hanno chiesto alla Commissione per lo sciopero nei pubblici servizi, l’attivazione delle procedure di raffreddamento e conciliazione delle vertenze collettive di interesse nazionale, così come da normativa vigente“.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Tassi d'interesse, la scalata è appena iniziata

Articolo successivo

Sciopero generale, fermi i trasporti. Tilt e tutti giù per terra. Il venerdì attaccato al week end,..