Benedizioni a scuola, nuovo braccio di ferro. Il Consiglio di Stato vuole vederci chiaro

S.Giulia-e-la-Croce-di-Desiderio-BresciaIl presidente della 6/a sezione del consiglio di Stato ha accolto la sospensiva, richiesta dal Ministero della Pubblica istruzione, degli effetti della decisione del Tar dell’Emilia-Romagna che un mese fa aveva annullato la delibera con cui un consiglio d’istituto di Bologna aveva autorizzato le benedizioni a scuola. Lo rendono noto il comitato ‘Scuola e costituzione’ e alcuni insegnanti e genitori che avevano fatto ricorso un anno fa contro le benedizioni.
L’udienza nel merito è stata fissata per il 28 aprile. Il ricorso al Consiglio di Stato era stato presentato dal ministero e dalla scuola, l’istituto comprensivo 20, attraverso l’avvocatura generale dello Stato, e chiedeva l’annullamento della sentenza del Tar, previa sospensiva. “Non conosciamo la motivazione del decreto – dicono genitori, insegnanti e comitato -. Ma il provvedimento risulta incomprensibile, non essendovi in questo caso nulla da sospendere, se non il valore e l’autorevolezza di precedente giurisprudenziale della decisione del TAR”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il Sud spazza via dalle strade Vittorio Emanuele. La Lombardia invece lo celebra

Articolo successivo

Brianza celtica con Terra Insubre, due eventi alla faccia di chi rinnega la storia