/

ARRIVANO I SAVOIA: “PORCA ITALIA, ANDEMO VIA”!

di ETTORE BEGGIATO*

Il Veneto fu annesso all’Italia il 21-22 ottobre 1866 dopo un plebiscito-truffa scandaloso.

La prima conseguenza dell’arrivo dei “liberatori” italiani nel Veneto fu …la partenza dei veneti dal Veneto. I Savoja nella nostra Terra si propongono come i continuatori dell’infame rapinatore chiamato Napoleone….Una pesantissima coscrizione militare obbligatoria (attraverso la quale si sottraggono alla nostra agricoltura migliaia e migliaia di possenti braccia), la riproposizione dell’odiosa tassa sul macinato, una vera e propria tassa sulla fame, proprio come quella imposta da Napoleone ai primi dell’ottocento, e poi tasse sul sale, sul caffè, sullo zucchero, sul petrolio, tasse giudiziarie e via discorrendo.

C’è chi protesta, con una buona dose di ironia: “Co le teste dei taliani zogaremo le borele (bocce) e Vitorio Manuele metaremo par balin”, e chi, costretto dalla fame e dalla disperazione che flagella il nostro popolo come mai nella nostra storia, emigra. Interi paesi partono alla ricerca della “Merica”, soprattutto nell’America Latina e in particolare nel Brasile meridionale, ricreando un altro Veneto al di là dell’Oceano (Nova Bassano, Nova Vicenza, Nova Padua ecc.), un Veneto che dopo diverse generazioni conserva tenacemente la propria cultura, le proprie tradizioni, la propria lingua.

Emblematica la tabella che ripropongo, tratta dal volume di Ercole Sori “L’emigrazione italiana dall’unità alla seconda guerra mondiale”, Il Mulino, 1979:

ESPATRI MEDI ANNUI PER 1000 ABITANTI NELLE REGIONI ITALIANE

 

E la rabbia dei Veneti viene mirabilmente descritta in una splendida poesia del grande poeta veronese Berto Barbarani che descrive in maniera mirabile la drammatica situazione delle nostre campagne. La riportiamo di seguito.

I VA IN MERICA

Fulminadi da un fraco de tempesta,

l’erba dei prè par ’na metà passìa,

brusà le vigne da la malatia

che no lassa i vilani mai de pèsta;

ipotecado tuto quel che resta,

col forrnento che val ’na carestia,

ogni paese el g ’a la so angonia

e le fameie un pelagroso a testa!

Crepà la vaca che dasea el formaio,

morta la dona a partorir’na fiola,

protestà le cambiale dal notaio,

una festa, seradi a l’ostaria,

co un gran pugno batù sora la tola:

“Porca Italia” i bastiema: “andemo via!”

E i se conta in fra tuti. – In quanti sio?

Apena diese, che pol far strapasso;

el resto done co i putini in brasso,

el resto, veci e puteleti a drio.

Ma a star qua, no se magna no, par dio,

bisognarà pur farlo sto gran passo,

se l’inverno el ne capita col giasso,

pori nualltri, el ghe ne fa un desìo!

Drento l’Otobre, carghi de fagoti,

dopo aver dito mal de tuti i siori,

dopo aver fusilà tri quatro goti;

co la testa sbarlota imbriagada,

i se da du struconi in tra de lori,

e tontonando i ciapa su la strada!

*Già assessore regionale ai rapporti coi Veneti nel mondo

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

LE FOIBE E GLI ESULI DIMENTICATI PER ANNI

Articolo successivo

LO SPETTACOLO DI BENIGNI CHE ELOGIA LA CULTURA ITALIANA