Bangladesh: quel terrorismo di buona famiglia, come a casa nostra

bangladesh

di ROBERTO BERNARDELLI –  Quello che emerge dalle descrizioni de‎gli attentatori del vile attentato di Dacca è che tutti gli attentatori arrivavano da buone famiglie, ricche e potenti, e che tutti avevano frequentato le migliori scuole del Paese.

Nessuno emarginato, nessuno povero, nessuno  disperato. Ma tutti islamici.
Adesso il dibattito si concentra sulla risposta dell’Islam moderato, che tarda come sempre ad arrivare.
Ma esiste davvero l’Islam moderato?
Noi aspettiamo una risposta ma intanto contiamo i morti.
Presidente Indipendenza Lombarda
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lezione di calcio, firmato Guardiola

Articolo successivo

300 Lombardi, ora c'è anche il blog