Bagarre in Consiglio regionale, Usuelli chiede dati in ginocchio. Leghisti gli danno monetine

Sospesa la seduta di Consiglio a Palazzo Pirelli dopo la bagarre in aula da parte delle opposizioni: urla, cartelli e fischi contro la Giunta di Attilio Fontana sui controversi dati Covid inviati all’Istituto Superiore di Sanita’ (ISS) che hanno portato a collocare la Lombardia in ‘zona rossa’ per una settimana. La tensione sale quando, concluso l’intervento di Fontana, con cui attacca il Governo e l’ISS, interviene il consigliere lombardo di Piu’ Europa, Michele Usuelli, che chiede di rendere pubblici tutti i dati lombardi sul coronavirus ‘disaggregati’ . “Lo chiedo da mesi e non me li date, oggi ve lo chiedo in ginocchio”, dice Usuelli, che fisicamente si inginocchia di fronte agli spalti della Giunta. Nel frattempo le opposizioni espongono cartelli recanti scritte come “Basta bugie” , “Ora basta” e “Verita’ per la Lombardia”. A quel punto dai consiglieri di centrodestra si leva un coro ‘da stadio’, “andate a lavorare, andate a lavorare”. Interviene quindi il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi, che sospende la seduta dopo aver espulso dall’aula il consigliere Usuelli.

“Mentre ero ancora inginocchiato e la seduta era gia’ stata sospesa, due agenti della Digos si sono avvicinati e mi hanno chiesto come erano avvenuti i fatti – ha raccontato  Usuelli-. Dopo aver spiegato l’accaduto, alla loro gentile richiesta di uscire dall’Aula, sono uscito con loro”. “Non si e’ avvicinato nessuno della giunta – ha proseguito Usuelli -, ma si sono avvicinati alcuni consiglieri della Lega a darmi delle monetine, quella di piu’ grande valore era di 20 centesimi. Si sono messi a fare uno schermo per impedire alla stampa di filmare il mio atto di disobbedienza civile”. “

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Governo non ha i numeri. Il Pd in pressing per dimissioni lampo di Conte

Articolo successivo

Crisi di governo. Il retroscena di un accordo Renzi-Di Maio