AVVISTATA UNA MEGATTERA AL LARGO DI LAMPEDUSA

di REDAZIONE

Un avvistamento inaspettato ha sorpreso un gruppo di ricercatori che stanno svolgendo studi sui cetacei al largo dell’isola di Lampedusa. E’ stata infatti documentata la presenza di una megattera, una balena fino ad oggi considerata inconsueta nel Mediterraneo e la cui presenza é invece frequente nelle acque delle Hawaii e dell’Australia.

Ad avvistare la megattera sono stati gli studiosi dell’Istituto Tethys che, assieme all’Area marina protetta isole Pelagie e all’International Whaling Commission, stanno conducendo ricerche sulle balenottere comuni che in questa stagione vengono ad alimentarsi nelle acque intorno all’isola, grazie a un finanziamento del ministero dell’Ambiente.

La giovane megattera, lunga non più di 8-9 metri contro i 14-15 degli adulti, è stata vista a circa 20km a est sud-est dell’isola di Lampedusa, verso la secca di Levante. Il cetaceo é stato seguito per circa un’ora e mezza, durante la quale è stato ‘foto-identificato’, cioé sono state riprese quelle parti, come la tipiche chiazze bianche e nere sulla parte inferiore della coda, che consentono di riconoscere l’individuo ed eventualmente confrontarlo con altri avvistati. Considerata visitatrice occasionale in Mediterraneo, negli ultimi 4 anni la megattera tuttavia è stata osservata ben 10 volte, in Spagna, Francia, Liguria, Toscana, e perfino in Adriatico. Due mesi fa la carcassa di un esemplare è arrivata in spiaggia nei pressi di Sirte, in Libia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Bulgaria in crisi: il patriarca invita a smettere di suicidarsi

Articolo successivo

Friuli senza rappresentanza: quale futuro può avere?