Autostrade. Modello Messina-Catania

“A rischio i cantieri sulla autostrada A-18 Messina Catania. La ditta non viene pagata dal Cas e gli operai minacciano di incrociare le braccia. Il Consorzio Autostrade Siciliane dipende dalla Regione. Anzi dal governo guidato da Nello Musumeci. L’assessore Falcone ammette le lungaggini burocratiche relative alla contabilita’ regionale che hanno determinato l’emergenza. Ma cosa ci sta fare al governo se non riesce a risolvere la questione burocratica prima che si determini una emergenza come questa che per altro si trascina da mesi?”. Lo dichiara il segretario regionale del PD Sicilia, Anthony Barbagallo, a proposito del mancato trasferimento di risorse dalla Regione al Cas e da quest’ultimo all’impresa che si e’ aggiudicata i lavori di ammodernamento sulla A-18. Il mancato pagamento di diversi stati di avanzamento lavori impedisce all’impresa di erogare gli stipendi agli operai “La presenza dei cantieri determina gia’ grande traffico – aggiunge Barbagallo – ma almeno le code si sopportano sapendo, e vedendo la presenza di attivita’ volte a migliorare il servizio. Chiudere i cantieri in seguito alla giusta protesta degli operai che non vengono retribuiti aggiunge il danno (operai senza stipendio) alla beffa (ritardi certi nei lavori e traffico garantito). Tutto cio’ a carico dei siciliani e dei turisti presenti in Sicilia che decidono di avventurarsi sulle disastrose strade del Cas”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Frena il lavoro, crescono i prezzi, non si ferma la corsa del disagio sociale. Confcommercio: giù consumi e offerte di lavoro

Articolo successivo

Coldiretti, laghi e fiumi ai minimi storici, raccolti decimati