Autoscontro, il governo ha decretato il fallimento dei concessionari

di Giancarlo Rodegher – Ho potuto fare l’esperienza di lavorare da un concessionario di vetture cinesi prima di lasciare il lavoro per andare in pensione perché mi andava di fare gli ultimi due anni dentro una nuova esperienza nulla sapendo della stessa. In 2-3 mesi avevo studiato tutto il possibile e l’immaginabile, persino la meccanica di cui ero completamente ignorante.
Ebbene oggi questo Governo doveva dare degli incentivi specie per l’elettrico ma anche per le vetture a Gas metano o GPL ed invece nulla.
Questa è la prova dell’assoluta ignoranza manageriale di questo Governo. Un settore trainante dell’economia non può essere lasciato in balia della pandemia e conseguente crisi economica.
In sede Europea si doveva perorare la causa delle fabbriche di automobili nazionali cercando un compromesso che permettesse agli italiani di acquistare vetture fabbricate in Italia.
Do ut Des! Ciò poteva essere fatto anche negli altri paesi, tanto chi vuole una Mercedes l’avrebbe comprata ugualmente senza incentivi, e così via per le altre marche. Invece niente di niente.

Ma vedendo cosa hanno dato ai liberi imprenditori ( artigiani.commercianti etc..) come sostegno economico per la chiusura da COVID 19 non c’è da stupirsi che abbiano voluto ” colpire o penalizzare” il settore auto visto che la decrescita felice è ancora in auge o no?
Verso fine anno assisteremo al disastro economico facilitato da questo governo incapace e mediocre il quale non è stato capace di velocizzare il benché minimo provvedimento da miliardi messo in campo. Non voglio parlare dell’INPS perché è la solita storia di chi non vuole riconosce i propri errori o le proprie manchevolezze o incapacità dando le proprie dimissioni per salvare almeno il proprio onore. Ma l’onore qui in Italia l’hanno fatto diventare l’onere di tutti gli altri.
Dobbiamo riconoscere a questi politici al governo l’assoluta capacità di ” girare il bimbo nella culla” come diciamo noi nel Veneto. Cioè negare qualsiasi ritardo o misfatto o incapacità.
I bronzi di Riace avrebbero invidia di cotante facce di bronzo che ci ritroviamo tra i piedi.
Adesso vedremo se gli italioti alle Regionali sapranno inviare il giusto messaggio a questi ” faccendieri da strapazzo” altrimenti costoro ci porteranno al capolinea veramente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Rizzi: tagliare la burocrazia per togliere potere di vita e di morte allo Stato

Articolo successivo

Risale la disoccupazione. Perso mezzo milione di posti. Ma reddito di cittadinanza e bazooka non sono bastati?