Autonomia? Che confusione… è un’illusione.. che cresce piano piano

di Angelo Alessandri – Oggi sono 3 anni esatti da quel voto sulla Autonomia che si vola tutta via. Del Doman non v’e’ certezza. Oggi sono 3 anni esatti. E di Autonomia manco si parla più. Anzi, la vicenda lombarda di queste ore evidenzia grottescamente l’esatto contrario. Certo che pure il calendario ha un certo senso per l’ironia.

A scanso di equivoci, in sta vicenda, noi non possiamo che provare tenerezza per Fontana.
Lo hanno issato lassu’ sul Pirellone e dovrebbe fare il Governatore dei lombardi. E la Lombardia, non dimentichiamolo mai, e’ la regione più forte e grande di sto paese.
Molto probabilmente non era l’uomo giusto.
E’ proprio nei momenti di crisi che emergono i limiti e i difetti : e Attilio li sta mostrando tutti.
Ma è stato eletto dai lombardi : ed ha tutta la responsabilità e la autonomia per farlo.
Dopo mesi di nuoto affannato e scivoloni tentennanti, finalmente ha preso una decisione. Il coprifuoco. Giusto o sbagliato che sia toccherà ai lombardi valutarlo. Ma almeno ha fatto una scelta. Ed era ora.

Ma subito il pretore romano di origini milanesi, che sarebbe pure il suo capo clan, lo stoppa.
E non va bene. Non va bene per nulla.
Già era sfiduciato di suo, Attilio. Non serviva che pure il suo capitano lo umiliasse.
Persino il suo ex ministro lombardo Centinaio oggi sfiderà la delibera di Attilio cercando la multa da Attilio. Come se Attilio fosse del PD o un dipendente di Bill Gates. Non va bene.
Umiliandolo, umiliano autonomia e Lombardia.
E lo fanno dei lombardi schiavi di Roma, persino del suo stesso partito. Anzi, i capi del suo stesso partito. Non va assolutamente bene. Se Roma voleva indebolire la Lombardia ancora di più, sto circo tutto legaiolo lo sta facendo egregiamente.

L’unica spiegazione possibile e’ che vogliano sfiduciare Attilio. E così si preparano a farlo. Ce lo hanno messo loro ma visti i tanti scivoloni degli ultimi mesi, invece di sostenerlo e di aiutarlo, lo buttano giù dalla torre pirellona?
Come a dire : attacchiamolo così prendiamo le distanze e non dobbiamo poi prenderci le colpe e le responsabilità elettorali e facciamo finta di nulla e ci mettiamo un altro. Altro che autonomia. E’ tutto molto paraculia, così.
Se e’ così, allora stiamo con Fontana.
Non per come ha governato, ma perché non ci piacciono i coltelli alle spalle e abbiamo un sacro rispetto del ruolo di governatore e ben poco rispetto delle ingerenze romane.
Ovvio che se avesse messo il coprifuoco Zaia, mai si sarebbero sognati di dissentire.
Facile colpire Attilio che annaspa.
Attilio ha le sue colpe, ma stavolta ha preso una decisione senza attendere mamma Roma e poteva farlo. Sarebbe questa Autonomia.

Son passati tre anni esatti. Ma siamo tornati indietro di trenta. Buon anniversario.

Padana mente!

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Ormai il sentimento che provo per certe cose all’italiana è la compassione.
    Compassione per una nazione mai nata e che oggi si trova a dover guardare in faccia la dura realtà.
    Come mai solo il Veneto e la Lombardia…..seguita dalla Romagna per ovvi motivi di opportunismo politico del PD hanno chiesto l’autonomia, quella prevista dalla Costituzione, quella votata a stragrande maggioranza ? I Lombardi non hanno ancora capito che di questo passo pagheranno anche loro il fallimento di questo paese di opportunisti, ladri, individualisti per necessità , evasori fiscali talvolta anche per necessità ed altre volte per mentalità e cultura diverse da quella che ci si aspettava dall’unità d’Italia ad oggi. Tutti si rendono conto che così non si può più andare avanti. Mi riferisco non solo all’Italia ma anche a tutto il mondo.
    Abbiamo distrutto la natura e ci troviamo vicini al soffocamento di noi stessi con non curanza.
    I grandi del mondo fanno riunioni e congressi e…molto altro e parlano di cose ovvie, palesi, evidenti anche ai ciechi eppure il vero cambiamento non arriva.
    La pandemia Covid 19 per chi non lo capisse ha messo in evidenza tutte le fragilità umane.
    Questa pandemia potrebbe durare più di quanto immaginano i grandi della sanità.
    Invece di fare ciò che serve ci si lascia andare a innumerevoli dibattiti televisivi che non servono a niente se non a mettere in evidenza quanto siamo lontani dalla verità.
    Miliardi per andare su Marte………miliardi per armamenti e guerre inutili,….etc..etc… insomma siamo all’anno zero ed il mondo dovrà cambiare.
    Anche l’Italia dovrà cambiare e la prima cosa da fare sarà quella di aiutare ed investire sull’economia e se necessario stampare euro o dollari o altre monete tanto quanto servirà a risollevare l’economia mondiale ed Italiana, naturalmente.
    Ma l’Italia non ha ancora capito che solo le autonomie differenziate potranno tentare di salvare il salvabile, caso contrario aspettiamo il DEFALUT che prima o poi arriverà inesorabile perchè siamo entrati in un circolo vizioso e negativo da cui solo un’Italia federale e regionale potrà aiutare e non a distruggere come sta accadendo da troppi anni.
    Hanno rubato talmente tanto da trascurare tutto e tutti a cominciare dalla sanità e per finire al territorio del paese. Ma dove ci stanno portando questi politici inconsapevoli delle responsabilità che si stanno assumendo ??!!
    Il centro destra ha firmato un accordo per approvare le autonomie non appena andranno al potere….dobbiamo crederci ???? Ma quando mai si è visto una promessa mantenuta ???
    Questo paese è moribondo e con esso anche gli italiani, quelli che ancora credono alle favole .
    Eppure qualcosa dovrà succedere per svegliare tutti alla realtà, quella che ci sta difronte e che sembra tutti vogliano ignorare e non vedere.
    Il futuro non è di nazioni con poteri centrali, ma paesi federali in cui i cittadini possono controllare da molto vicino chi li governa. Non capire questo è da ignoranti e le visioni paradisiache di chi vuol vedere in mega agglomerati , in passato tutti falliti, salvo gli U.S.A…..ma per quanto ?…sono destinate a diventare realtà molto negative se non perdenti e fallimentari.
    W L’Europa gridano in molti…. ma quale Europa ??? Una Ex URSS camuffata da benevola associazione di burocrati e di politici camuffati da votanti senza veri poteri ??
    Ed allora vediamo amici degli amici scannarsi, governatori regionali presi in giro o denigrati perchè hanno osato prendere decisioni autonome…….ma questo non si chiama tradire i valori supremi che dovrebbero essere alla base del convivere pacificamente, serenamente e possibilmente nel benessere generale di tutti ???
    Mi fermo qui ognuno tragga le sue conclusioni se vorrà………
    WSM
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

"Governo rifinanzièrà turismo e ristoratori". Bernardelli: come no, a babbo morto. State trasformando sacrificio in un "olocausto" dell'impresa

Articolo successivo

Bianchi (Grande Nord) su La Gazzetta delle Valli: Servizio idrico bene primario da difendere