Attesa per il voto scozzese

Piu’ di un milione di scozzesi si sono gia’ registrati per votare per posta, in occasione delle elezioni parlamentari. I seggi hanno aperto alle sette di questa mattina e chiuderanno alle 22, come riporta l’emittente “Bbc”, ma i voti saranno conteggiati venerdi’ mattina, per garantire il rispetto delle misure anti Covid ed evitare assembramenti; il voto finale e’ atteso per sabato. Le elezioni scozzesi assumono particolare importanza per tutto il Regno Unito, poiche’ il risultato potrebbe avere un impatto sulla possibilita’ o meno di un secondo referendum sull’indipendenza scozzese. I cittadini voteranno per eleggere 73 membri del parlamento tramite un sistema uninominale secco, secondo cui viene eletto il candidato che ottiene piu’ voti in un collegio, ma dovranno anche esprimere un voto per i collegi distribuiti su base regionale. In questo caso, gli elettori votano per i partiti, ai quali viene assegnato un certo numero di deputati a seconda dei consensi ricevuti. Le elezioni si svolgeranno nel rispetto delle misure anti contagio, con uso di mascherine, distanziamento interpersonale e affluenza controllata. Agli elettori, inoltre, e’ stato raccomandato di portare una propria matita o penna per compilare le schede elettorali, ed e’ stata data la possibilita’, alle persone che fossero costrette all’isolamento domiciliare perche’ positive al coronavirus, di votare per delega.

Le elezioni teoricamente locali possono diventare un test impegnativo per il premier Boris Johnson e in prospettiva per il futuro stesso del Regno Unito. Gli elettori si recheranno ai seggi in Inghilterra, Galles e Scozia. Se in Inghilterra la vittoria dei conservatori del premier appare scontata, la questione sarà capire quanto questa sarà estesa. Nel laburista Galles il nodo è rappresentato dal risultato del principale partito di opposizione, al primo test elettorale sotto la nuova gestione di Starmer, mentre in Scozia, dove è favoritissimo lo Scottish National Party di Nicola Sturgeon, si capirà se una forte affermazione indipendentista potrà aprire la strada a un nuovo referendum e, in prospettiva, all’ipotetica uscita della Scozia dal Regno Unito col suo rientro nell’Unione Europea. Fino a 48 milioni di persone sono chiamati alle urne in tutta la Gran Bretagna. I seggi elettorali saranno aperti dalle 7 locali alle 22 (dalle 8 alle 23 italiane).

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Infezioni in calo, solo da ritorno a scuola ripresa dei contagi

Articolo successivo

Elezioni Milano. Ancora caos su candidato antagonista di Sala. Armata Brancaleone o centrodestra?