/

Arrighini: lo Stato espropria l’elemosina. Vietato fare carità tra uguali

FILECARITASCommenta Giulio Arrighini, segretario di Indipendenza Lombarda, sui social la notizia scandalosa del sequestro dellìelemosina raccolta a Bresca ad alcuni indigenti: “Poco più di un anno fa, un pensionato che vendeva i suoi libri per disperazione, è stato allontanato dall’intervento di ben sette agenti della Polizia Locale ( i vigili urbani). Oggi la notizia della confisca dell’elemosina ad un altro bresciano ridotto in estrema povertà. E’ evidente che i bresciani rappresentano per chi ci amministra il primo dei nemici, o forse, dei pericoli. Il Comune, e più spesso lo Stato espropria la carità espressa dal popolo. La carità fra eguali non è tollerata. I soldi, tutti, devono finire nelle loro casse, quelle già riempite dalle tasse dei contribuenti. Se così non fosse, lo stesso zelo sarebbe espresso in tutte le zone degradate della città, a cominciare da Via Milano, una zona franca di illegalità e traffico di sostanze stupefacenti.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. La colpa é sempre nostra in quanto siamo ormai indifferenti a tutto. Se penso alle leggi che hanno i tedeschi e gli austriaci poche, semplici e chiare mentre le nostre spesso tante, complicate e sconclusionate e che sembra che spesso abbiano solo lo scopo di prendere in giro il cittadino, viene semplicemente tristezza! Ora sogno di andarmene con i miei figli nello stato di Rio Grande do Sul (Brasile) nella terra dei Tedeschi e dei Veneti. Il nostro Nord-Est in questi ultimi 10 anni ha fatto un cambiamento che non lo riconosco più!

  2. Ringrazio per la notizia, ma veramente non si possono sentire cose del genere.
    Ma dove stiamo andando se non nella barbarie fiscale e statale !!!
    Non ci sono parole per esprimere la propria indignazione.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Pagliarini: così truccano i bilanci. E Battiato cantava..."Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni"

Articolo successivo

SECEDERE SI PUÒ, MANCANO GLI INDIPENDENTISTI!