Apple ora si quota in franco svizzero

di REDAZIONEapple

Basta spostarsi di lato rispetto all’euro ed ecco che il mercato ti viene dietro. Così è, si sceglie la valuta forte e solida… Altro che timori di crolli di Borsa o dell’economia! Ecco qua, infatti. Dopo il maxi bond da 6,5 miliardi di dollari di inizio febbraio, le emissioni di bond denominati in dollari e in euro sono stati un successo, ma non basta.  Apple pensa anche a una vendita di obbligazioni in franchi svizzeri. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, la vendita potrà arrivare a breve e sarà gestita da Goldman Sachs e Credit Suisse. La settimana scorsa Apple ha lanciato un maxi bond da 6,5 miliardi di dollari (più dei 5 inizialmente ipotizzati) e a novembre scorso aveva piazzato il primo bond in euro. Il balzo della domanda di debito denominato in franchi ha fatto finire in territorio negativo i rendimenti dei bond governativi. Questo significa che Apple sarà in grado di prendere prestiti a basso costo, dal momento che i corporate bond sono tipicamente collegati ai prezzi del debito governativo. Secondo le fonti sentite dal quotidiano non è ancora dato sapere l’ammontare complessivo dell’offerta né le scadenze delle obbligazioni che saranno vendute (è possibile che siano considerate maturazioni a 10-15 anni). E’ tuttavia possibile che i bond a più breve scadenza abbiano uno yield negativo, cosa mai successa per corporate bond venduti in Europa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Madrid ruba 500 imprese alla Catalogna di Mas

Articolo successivo

Danze e musiche d'Irlanda a Varese