Anche oggi piazze vuote per i comizi di Beppe Grillo

di JOHN GALT

Print Friendly, PDF & Email

7 Comments

  1. Il blog di Beppe Grillo pubblica spesso a lato alcuni articoli di questo sito. Evidentemente nel movimento c’è qualcuno che simpatizza per le idee libertarie.

    • Il MoVimento è un calderone di idee innovative. Da una parte la cosa preoccupa (come potrebbero mai andare d’accordo persone con idee antitetiche nello stesso partito?), ma d’altra parte la cosa è incoraggiante. L’appoggio ufficiale del MoVimento ai “gianninisti” e agli indipendentisti dopo le elezioni potrebbe essere una possibilità non così remota come sembra.

  2. Grillo, di cui ancora abbondantemente diffido, prenderà uno squasso di voti.
    Certamente oltre il 10%.
    La gente non va tanto per il sottile.
    La gente non legge “oltre la democrazia”, e non legge neppure i quotidiani.
    La gente non è informata, non sa, non conosce le cose.
    La gente appena trova uno un pò incazzato,che sa parlare in pubblico,che dice anche alcune cose giuste derivanti dal comune buonsenso popolare, la gente si riconosce in esso, e se ne fida.
    La gente non lavora di cesello col pensiero e con le valutazioni politiche.
    La gente usa il piccone per filtrare le idee.
    Ecco perchè grillo prenderà oltre il 10%, ed i veri liberali-libertari sono misconosciuti.

    • perche’ se leggi i quotidiani t’informi? epoi cosa c’è da sapere al momento? Che non c’è un solo vecchio da salvare. Io spero che vada dentro con almeno 100 persone pulite, o anche più. E che siano così incazzate da reggere la legislatura senza farsi infangare dalla corruzione, perche’ quello è il problema, la debolezza dell’animo umano.

  3. Bah! Menomale che doveva essere un sito indipendentista/secessionista questo. Buona fortuna a Grillo che almeno non rappresenta la compagnia dei magnaccioni,però “che c’azzecca” con la secessione non so.

    p.s. rispondete pure “perchè maroni che c’azzecca?” ma così rimango della mia idea paludato-retrivo-leghista!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Gruppo Benetton: previsti 450 licenziamenti

Articolo successivo

L’ARTE COME ULTIMA RATIO. HERMANN HESSE E LA LEBENSREFORM