Anche De Luca: Bozza autonomia un disastro. Non c’è classe politica come in Germania che ha unito Est con Ovest

“Si sta discutendo in questi giorni dell’autonomia differenziata e saremo chiamati a lottare perche’ la bozza d’ipotesi di federalismo e’ un totale disastro”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del suo intervento agli Stati generali sull’ambiente in Campania realizzati nell’ambito del Green Med Symposium. “Voglio che si dica agli italiani quale e’ la situazione vera dei trasferimenti dello Stato – ha aggiunto – mi pare una posizione assolutamente corretta. Se qualcuno immagina di condannare a morte il Sud faremo la guerra perche’ siamo alla violazione della Costituzione e dovremmo vergognarci. La Germania – ha ricordato De Luca – in 30 anni ha affrontato il problema legato allo sviluppo dell’ex Germania dell’est e lo hanno risolto grazie a una classe dirigente di grande qualita’ ideale, morale, politica e istituzionale che ha deciso che l’unita’ nazionale era una priorita’ assoluta. Questo in Italia non lo abbiamo e dunque dobbiamo difenderci da Sud”.
Il governatore campano ha evidenziato che alla luce di cio’ “nelle prossime settimane abbiamo da fare una battaglia in maniera esplicita per contrastare e sconfiggere tentativi in violazione della Costituzione italiana, altro che solidarieta’ nazionale e fondi Pnrr per recuperare il divario, motivo per cui sono stati dati 209 miliardi all’Italia, altro che soluzione del problema: siamo di fronte a tentativi di accentuare il divario ed e’ intollerabile”. De Luca ha infine ribadito la sua posizione “per un Sud chiamato ad accettare la sfida dell’efficienza e della correttezza amministrativa ma bisogna dire in modo chiaro che a tutti i cittadini vanno date le stesse risorse per i servizi pubblici essenziali ed e’ doveroso risolvere il problema tra Nord e Sud”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Livelli assistenza, il Nord in testa. Chissà se fosse anche autonomo...

Articolo successivo

Elezioni - Bernardelli: Nord espugnabile perché qualcuno ha abbandonato la questione settentrionale: Solo noi ripartiamo dai territori