Il procuratore di Reggio Calabria: unità imposta, Ardeatine a confronto sono nulla

RASSEGNA STAMPAnicola gratteri copia

Trascriviamo alcune parti dell’Intervento del Giudice Nicola Gratteri Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria. Al termine della trascrizione il video dell’intervento del Giudice Gratteri tratto da youtube (https://www.youtube.com/watch?v=2tQ47gWjGtU).
“… l’Unità d’Italia non è stata discussa, è stata imposta… Le violenze, gli omicidi, gli stupri fatti in Basilicata in Calabria, in Puglia… le fosse Ardeatine non sono nulla. Quando venivano ammazzati 10 romani per ogni tedesco ucciso nelle fosse Ardeatine, quando è stato ucciso un piemontese, erano uccisi 100 calabresi, per ogni piemontese ucciso… io ancora non ho sentito la storia dell’Unità d’Italia perchè la storia resta scritta dai vincenti… Chi ha imposto l’Unità d’Italia ha tradito quelle popolazioni che sono diventate sempre più povere e sempre più emarginate. Non sono qui a fare del vittimismo, ho letto documenti… non quelli che vanno di moda. Mi sono documentato, sono andato agli Archivi di Stato, ho letto documenti dell’epoca. L’unità d’Italia è stata imposta in cambio della modifica dei patti agrari… Lì è proliferato il bribantaggio che è cosa diversa dalla picciotteria. Attenzione non confondere. Perchè dei caproni ignoranti che non leggono e che non hanno studiato e che insegnano nelle università e vanno ai convegni antimafia non sono in grado di distinguere le origini della picciotteria col brigantaggio. Chiusa parentesi. Per quanto riguarda quello di cui ha parlato da elettore di sinistra ( il giudice si rivolge ad una persona tra il pubblico che evidentementee aveva fatto prima una domanda. ndr.) lei sa bene che oggi il parlamento, che è stato nominato da sei – sette persone non di più, noi non siamo in democrazia, non possiamo scegliere ( lunghi applausi ndr) perchè le rivoluzioni non si fanno solo con cultura, le rivoluzioni si fanno, lei ha visto nel Nord Africa, le rivoluzioni si fanno con la pace e noi non ancora non abbiamo la fame del Nord Africa per fare la rivoluzione… ”

http://partitodelsud.blogspot.it/2012/04/150-anni-dallunita-ditalia-parla-il.html

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Due osservazioni:1) Gratteri non è un giudice, ma un procuratore della Repubblica, come del resto dice correttamente il titolo dell’articolo( questo per la precisione, non perché si voglia togliere o aggiungere qualcosa all’autorevolezza delle sue opinioni); 2) d’accordo, l’unità d”Italia è stata imposta da una sparuta minoranza a popolazioni indifferenti e spesso riluttanti, non risparmiando atti di violenza che oggi ci ripugnano, ma mi si faccia un solo esempio di Stato-Nazione che si sia formato, nel corso della Storia, in modo diverso. Pensiamo ai crimini della madre di tutti i risorgimenti, la Rivoluzione Francese, perpetrati in nome di Liberté Fraternité Egalité…

  2. Il sud impoverito dall’unità d’itaglia??? Ragazzi ok, tutti noi nordici vogliamo la secessione del regno delle due Sicilie ma non possiamo avvallare certe tesi vittimistiche che sono un insulto all’intelligenza per qualsiasi persona di buon senso…

    • il sud è stato invaso per le enormi ricchezze che aveva (circa 8/10 della massa monetaria d’oro circolante in italia).
      Il piemonte era indebitato e si salvò dalla bancarotta andando a depredare le casse del regno delle due sicilie.
      è su wikipedia, mica c’è biosgno di leggere i libri….

      • Appunto…wikipedia….io non apprezzo la cultura fondata su Wikipedia o su libri scritti da ex giornalisti di gossip vittima di complessi e risentimenti antinordici….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Default thumbnail
Articolo precedente

L'11 settembre dell'Indipendenza, inizia il 21esimo secolo

Articolo successivo

Comencini ai "dè de l'Indipendenza"