Altro che trattare con l’Europa. Il governo deve trattare col Nord

spread

Legge di bilancio, riforme  alla luce dei fondi  che arriveranno con l’Europa… lo spread che si scalda in questo periodo mentre domina l’incertezza del Covid. C’era una volta anche un vicepremier che litigava con Bruxelles proponendo di sforare il 3%, affermando che occorreva ridurre la tasse. Come? Abbassandole come negli Stati Uniti. Peccato che le risorse arrivino sempre dallo stesso portafoglio. E che per finanziare le spese, usino il nostro residuo fiscale. Dal Conte 1 al Draghi 1 cosa è cambiato per il Nord? Siamo noi, in Padania, a fare da banca del governo. Altro che trattare con l’Europa, il governo deve trattare con il Nord!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Via i prefetti... Più poteri ai prefetti... Ma non è ora di puntare i piedi solo sul residuo fiscale che ripaga tutti tranne noi?

Articolo successivo

Bernardelli: Davvero non ci sono soldi per sanità e welfare?