Alternativa per la Germania: nato il primo partito contro l’Euro

di REDAZIONE

E’ stato fondato oggi in un clima di incredibile entusiasmo “Alternative fuer Deutschland” (AfD), il partito che per acclamazione dei delegati ha deciso di presentarsi alle elezioni del 22 settembre per la Cancelleria. La sala dell’Hotel Interconti di Berlino ha fatto fatica ad accogliere i 1500 delegati, alcuni dei quali portavano un biglietto vero da 100 marchi sul bavero della giacca. “Basta con questo euro”, “la reintroduzione del marco non deve essere un tabu'”, questi gli slogan scanditi durante la manifestazione, mentre l’economista amburghese Bernd Lucke, fondatore di AfD, annunciava dalla tribuna che “adesso si parte, dobbiamo abolire l’euro, se siamo dei veri europei”.

Polemizzando con Angela Merkel, che ripetutamente ha affermato che “se fallisce l’euro fallisce l’Europa”, Lucke ha spiegato che “se fallisce l’euro, non fallisce l’Europa, ma fallisce questo governo”. La mente direttiva del nuovo partito si e’ collocato nel suo discorso nella tradizione politica di Adenauer, Kohl, Schmidt e Willy Brandt, spiegando che AfD “non e’ ne’ di destra, ne’ sinistra. Non abbiamo bisogno di alcun cartello ideologico direzionale, ma solo di un sano buonsenso”. Nel frattempo i sondaggi rivelano che la nuova formazione potrebbe godere di un potenziale elettorale del 20%. Il governatore dell’Assia, Volker Bouffier (Cdu), invita il suo partito a non prendere sotto gamba AfD, spiegando che “dobbiamo analizzare accuratamente la situazione”. Un altro fondatore di AfD, il giornalista Konrad Adam, tra il tripudio dei delegati ha esclamato, rivolgendosi agli altri partiti, che adesso “hanno paura di noi”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La Lega dei Ticinesi sbanca Lugano. Bignasca eletto anche da morto

Articolo successivo

Nella bagarre per il Quirinale si decide la sorte del "futuro" governo