Alpi sempre meno bianche

Per la prima volta uno studio, condotto dall’Eurac di Bolzano, su tutto l’arco alpino mostra come dal 1971 la copertura nevosa sia in calo: in inverno c’e’ meno neve soprattutto sotto i 2000 metri, mentre in primavera a tutte le altitudini e in tutte le regioni. Gli studi condotti finora si limitavano a singole regioni o stati dell’arco alpino e si basavano su dati di una ventina, o al massimo di qualche centinaio, di stazioni di misurazione. Ora, in una ricerca coordinata da Eurac Research, sono stati raccolti per la prima volta e valutati in modo unitario i dati sulla neve di piu’ di 2000 stazioni di rilevazione presenti in Italia, Austria, Slovenia, Germania, Svizzera e Francia. I risultati pubblicati sulla rivista scientifica The Cryosphere hanno permesso di descrivere in modo attendibile l’andamento della neve fino a 2000 metri di quota. Questo insieme omogeneo di dati abbraccia cinque decenni ed e’ stato creato grazie alla collaborazione di oltre 30 scienziati di tutti gli stati alpini.

“Questo studio mostra la distribuzione della neve e cosa e’ cambiato negli ultimi 50 anni”, spiega Michael Matiu, ricercatore dell’Istituto per l’osservazione della Terra di Eurac Research, autore insieme alla collega Alice Crespi dello studio finanziato dall’Unione europea. I dati mostrano che la neve e’ distribuita in modo disomogeneo e che non diminuisce ovunque nella stessa misura. Nelle Alpi meridionali, che gia’ sono meno innevate, l’altezza della neve sotto quota 2000 metri e’ diminuita maggiormente rispetto alle Alpi settentrionali nella maggior parte dell’anno. Le tendenze regionali differiscono a volte in modo considerevole, ma i cambiamenti a lungo termine sono simili in tutta la regione alpina: gli anni settanta e ottanta sono stati generalmente nevosi, seguiti da una fase poco nevosa tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta. Da allora, l’altezza della neve e’ in parte aumentata di nuovo, ma non ha piu’ raggiunto il livello degli anni settanta. E ovunque c’e’ meno neve in primavera, come sottolinea Crespi: “Mentre in inverno si nota un ampio ventaglio di variazioni a seconda del luogo e dell’altitudine, anche con isolati aumenti della neve soprattutto a quote piu’ elevate, in primavera quasi tutte le stazioni hanno registrato diminuzioni”. Sotto i 2000 metri, la stagione della neve si e’ ridotta in media di 22-34 giorni negli ultimi cinquant’anni; la neve al suolo tende a presentarsi piu’ tardi in inverno e a scomparire prima con l’avvicinarsi della primavera. E’ un risultato diretto del cambiamento climatico, come spiega Matiu: “In questo studio non abbiamo esaminato esplicitamente le correlazioni, ma e’ chiaro che la neve si scioglie prima e piu’ velocemente a causa delle temperature piu’ alte e che le precipitazioni si manifestano sotto forma di pioggia anziche’ di neve”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Variante inglese in un gatto, Oipa: contagiato dalla sua famiglia

Articolo successivo

Sciopero dipendenti Amazon, si apre il vaso di Pandora