Alessandri: volete ancora Roma? Eccola

di Angelo Alessandri – E si lamentano. Di cosa Cazzo vi lamentate? Volete ancora giocare al teatrino Romano? Ancora a credere ai pagliacci di una politica sempre più lontana. E’ Roma!
Lì si annida il peggio, in quei palazzi da sempre albergano tutti i vizi italici e si concentrano come in nessun altro posto le teste di Cazzo per metro quadrato. Li’ tutti gli specchi di un paese paraculo si riflettono.
E’ Roma. E dovreste saperlo ormai.
Potete essere sudditi. Di destra o sinistra poco cambia : sono facce della stessa medaglia.
E sudditi lo siamo da sempre.
Ma ogni volta amnesie totali sembrano far dimenticare il passato come non fosse avvenuto. Il presente si cammina come ebeti anestetizzati. Il futuro pare non sia più un opzione. Ormai e’ davvero un Matrix.

Esiste solo una soluzione.
E’ quasi banale oggi. Ma come la rana bollita in massa fanno tutti finta di non saperla.
Di non ricordarla. Un lavaggio del cervello con sostanze psicadeliche che danno assuefazione, evidentemente.
Non c’è un altra spiegazione di questo perseverare in gregge con simboli, istituzioni, slogan e sudditanze diaboliche.

Questo paese è fallito. Da tempo. Ma ci giocate come se fosse sempre una cosa viva. Non lo è. Non più. Si può salvare una sola parte ormai, e più passa il tempo e meno da salvare rimarrà.
I tempi sono maturi e adesso serve uno strumento del Nord e basta guardare a Roma.
Roma e’ fallita ma continuate a dargli 120 miliardi ogni anno. Non per farla risorgere.
I miracoli non avvengono più.
Buttiamo i nostri soldi in una scatola fallita.
Li buttiamo e basta.
Non e’ futuro : e’ solo una lunga agonia.
Volete vivere in agonia? Io no, non vorrei.

Giunge un momento in cui un popolo manda a fare in culo quel teatrino. Lo spettacolo lo avete già visto mille volte. Sapete già come finisce, persino le battute a memoria sappiamo. E questa tragedia non mi piace.

Rimane solo una soluzione. Scegliete la pillola : o rimanete nel Matrix o decidiamo di guardare la realtà.

SECESSIONE. E’ davvero l’unica soluzione.
Non so davvero cosa vi serva ancora per decidere. Non so quanto vorrete precipitare ancora con Roma.
Un popolo può cambiare la storia.
Serve solo consapevolezza, coraggio e quel popolo non avrà limiti.
Lo so, non è poco, visto che sono tutti subliminati oggi. Ma svegliarsi e marciare compatti può avvenire anche in tempi veloci.
Non è ancora troppo tardi.

Io ho scelto.
PADANIA LIBERA o nulla.
Da solo cambio poco, ma se c’e’ un popolo si torna a combattere l’unica guerra che vale la pena imbracciare.
Questo sarebbe il momento giusto.
Basta solo ascoltare il cuore e non gli slogan romani : fatti da Roma per Roma.

Possono comperare un partito, possono confondere un popolo ma prima o poi le radici rifioriscono verso l’alto.
Ne ero e ne sono convinto.
E’ solo una dannata questione di tempo.

Padana mente!

Angelo Alessandri – Fondatore Grande Nord, responsabile Gn Emilia Romagna

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

#ioapro,"nonno ha fatto guerra, io la rivoluzione facendo il cliente al ristorante"

Articolo successivo

Boni: dove sono gli uomini del Po e le camicie verdi?