Albertini spara: 30% dei leghisti e 60% dei ciellini sono con me

di REDAZIONE

”Le palizzate della Lega non sono cosi’ solide davanti all’avanzata della decima legione”. Fuori metafora questo significa che ”molti leghisti, almeno il 30 per cento, non si riconoscono nelle decisioni di Maroni. La scelta dell’ex sindaco di Lecco, Lorenzo Bodega, di entrare in lista con noi e’ significativa. Cosi’ come faranno molti esponenti di base di Cl”. Lo assicura al ‘Corriere della Sera’ Gabriele Albertini, candidato della lista Monti a presidente alle regionali lombarde e al Senato, che nelle ultime settimane si sta distinguendo per spararle abbastanza grosse, forse perché nervoso per essersi ritrovato perdente nella corsa al Pirellone. ”Sulla base di alcune informazioni -dice l’ex sindaco di Milano – ritengo che circa il 60 per cento dei ciellini esprimera’ un voto disgiunto come mi era gia’ successo quando sono stato rieletto sindaco per il mio secondo mandato. Tra questi, e spero che non rinneghi la confidenza che mi ha fatto allora, c’era Francesco Saverio Borrelli”. Albertini dice di non sentirsi ”tradito” da Formigoni, che ha scelto di appoggiare Maroni, ma a suo avviso ha commesso ”un errore politico”.

Print Friendly, PDF & Email

6 Comments

  1. Che personaggio penoso; la mossa, poi, di coinvolgere Saverio Borrelli rendendo pubblica una confidenza che l’ex magistrato gli avrebbe fatto rende bene l’idea dello spessore e della disperazione politica a cui è giunto l’ex sindaco mutandato.

  2. Questo qui oggi a radio 24 ha ammesso candidamente che se la Lombardia trattiene il 75% delle tasse e imposte il centro-sud fallisce. Il che equivale a confermare che il centro-sud è MANTENUTO dalle regioni settentrionali. E non si vergogna di appellarsi all’unità d’Italia.
    Questa gente se ne deve andare e tutto quello che continua a finire nel buco nero del centro sud mafioso e politicante deve essere RESTITUITO CON GLI INTERESSI.

  3. Albertini da qualche settimana spara a vanvera: da “Se non mi candidano straccio la tessera,” a “Se Formicone mi aggredisce ancora, apro il cassetto …” !
    Si deve confrontare con la realtà dei sondaggi (come Monti) e…..starnazza !

    Gloriarsi per avere accolto Bodega, leghista in fuga, solito dare esilaranti dimostrazioni di eleganza, cultura, savoir faire e portatore di programmi brevi e circoncisi è sintomo di miseria…elettorale !

    E’ vero che molti ciellini e molti leghisti sono scontenti dell’alleanza, ma non bastano a regalargli il successo: Albertini ritrovi la dignità dimenticata, si metta in posizione ed accolga il penetrante verdetto !

    Semmai si consoli ascoltando gli strilli di Maroni !

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Liga Veneta: capilista Bragantini, Marcolin e (forse) Bitonci

Articolo successivo

Quote latte: perquisite sedi della Lega. Maroni: non c'entriamo