Addio Lega, non è più Nord. Salvini cambia tutto prima del voto siciliano. Se va male, ha già cambiato il simbolo

TRAMONTO DELLA LEGA NORDdi BENEDETTA BAIOCCHI –  Ha giocato d’anticipo, prima delle regionali siciliane. Metti vadano male, chi lo appoggerà poi caldamente di cambiare il  simbolo della Lega? E così, Salvini anticipa i tempi e in un consiglio federale allineato con lui – e chi va in dissenso con le liste elettorali da fare? – fa passare l’addio al Nord. La Lega perde il pezzo fondativo, la sua origine, lascia la questione settentrionale, sposa quella nazionale, meridionale e diventa Lega. Ecco le dichiarazioni del segretario federale, anzi no, nazionale: “La LEGA ha ambizioni di governo a livello nazionale avrà un unico simbolo e si presenterà come LEGA(senza più Nord, ndr) in tutti i collegi e in tutte le città d’Italia. Su questo il Consiglio federale è assolutamente d’accordo”. A dirlo è stato nel tardo pomeriggio del 27 ottobre il segretario del Carroccio Matteo Salvini, intervistato a margine del vertice di partito tenutosi in via Bellerio a Milano. “Abbiamo esaminato la situazione politica ed è assolutamente positiva- dice sull’incontro- che la LEGA si chiamerà LEGA mi sembra chiaro da mesi, su questo 65 milioni di italiani penso che non vedano l’ora di votare”, chiosa Salvini.

E poi… aggiunge: “Sono tre anni che la Lega si batte a livello nazionale per trasformare l’Italia in un Paese federale – ha proseguito – quindi, contiamo di essere l’unica forza politica in Europa del gruppo dei cosidetti populisti che andra’ al governo nei prossimi mesi”. foto 4

Rileggiamo: “sono tre anni”. Forse voleva dire 30 anni.  Fortuna che Umberto Bossi fu ministro per le riforme e il federalismo. Era qualche anno fa, con passaggio del testimone a Calderoli. Ma fa niente. Salvini ha spiegato che il cambiamento riguardera’ il simbolo, il contrassegno elettorale. Cambierà anche il nome del partito? “Non ci sarà un congresso federale – ha risposto, facendo riferimento al passaggio obbligatorio per cambiare il nome del Movimento – non possiamo andare a congresso quattro mesi. All’ultimo congresso la mia politica è passata con piu’ dell’80 per cento dei voti e la linea era assolutamente chiara”.

E il dissenso interno? Pollice verso della minoranza. “Io sicuramente non sono d’accordo e, per quanto ne so, nemmeno Umberto Bossi è d’accordo”, afferma l’assessore lombardo Gianni Fava, che sui temi ‘nordisti’ aveva sfidato Salvini alle primarie per la segreteria. “Voglio chiarire però che vanno distinti i livelli perché si sta creando confusione – aggiunge Fava-. La Lega nord non cambia nome, per fare ciò sarebbe necessario un congresso federale. Salvini ha detto che cambierà il contrassegno elettorale”.

Ah ecco… Non è successo niente, è solo il simbolo sulla scheda. Va beh dai, passiamo alla prossima…

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Requiem…. Anche la Lega NORD è finita….. Con essa anche le ultime briciole di speranza di raddrizzare sto paese…. Purtroppo anche loro si sono dimostrati solo attaccati alla potenziale poltrona 🙁

  2. E continuate a raccontare le scorribande di quel traditore. Dovrebbe essere messo all’indice per aver distrutto un movimento autonomista.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Dopo l'Italietta, l'Unione sovietica europea

Articolo successivo

Tavolo lombardo per l'autonomia: Maroni lascerà fuori i movimenti autonomisti?