AUSTRALIA: “DIRITTO NATIVO” RICONOSCIUTO AGLI ABORIGENI

di REDAZIONE

Un clan aborigeno dell’Australia centrale ha ottenuto il riconoscimento del “diritto nativo” su un territorio grande una volta e mezzo la Svizzera e che comprende il lago Eyre, il più grande d’Australia quando si riempie, a intervalli di anni, dopo piogge torrenziali nel nord del continente. La determinazione, raggiunta in una speciale seduta del Tribunale per i Titoli Nativi nei pressi del lago, una popolare attrazione turistica, è il risultato di una battaglia legale di 14 anni del popolo Arabana, affiancata da un lungo processo di mediazione fra tutte le parti in causa, compreso il governo dell’Australia meridionale.

Il riconoscimento del titolo su 70 mila kmq di territorio non concede diritti esclusivi, ma offre agli Arabana accesso e diritti di caccia, pesca e accampamento, oltre a poter condurre cerimonie tradizionali. Sono previsti finanziamenti per la conservazione dell’area, che comprende i resti di una missione cristiana e di una stazione pastorizia. In cambio gli aborigeni hanno rinunciato ai diritti sul terreno in cui è stata costruita una piccola cittadina.

Il lago Eyre è sacro agli aborigeni dell’area ma rimane una popolare destinazione turistica, specie quando è inondato come ora e viene solcato dalle barche di turisti. Il locale yacht club afferma che combatterà contro ogni tentativo di proibire la navigazione. Il riconoscimento, festeggiato con grande commozione da circa 300 dei proprietari tradizionali, precede di poco il 20mo anniversario del verdetto Mabo dell’Alta Corte, che riconosceva il diritto tradizionale alla terra e annullava la nozione di ‘terra nullius’, adottata dai colonizzatori britannici per affermare la sovranità sul continente.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

DRACMA O G-EURO PER QUANDO LA GRECIA USCIRA' DALL'EURO

Articolo successivo

GLI STRANIERI FUGGONO DAI BOND DI ITALIA E SPAGNA