A Strasburgo voto di sfiducia a Juncker. Dov’è la Lega? In tv. E poi dicono: no euro… no euro…

di STEFANIA PIAZZOeuropa 3

Nella sbornia elettorale è sfuggito a tutto il mondo giornalistico e politico che ieri alle 18,40 in Parlamento europeo si stava presentando la mozione di sfiducia (tecnicamente la chiamano di censura) niente meno che  a Juncker, sotto processo per lo scandalo LuxLeaks.

Sono intervenuti in tanti. Marine Le Pen, gli euroscettici, i britannici dell’Ukip, i 5Stelle, tra i promotori della mozione. Il Parlamento europeo è “il tempio dell’ipocrisia”, ha detto l’eurodeputato del M5S Marzo Zanni presentando la mozione di sfiducia alla Commissione anche a nome del gruppo euroscettico Efdd. E ha aggiunto: “Lei Juncker è l’immagine peggiore dell’Europa, se avesse un briciolo di dignità se ne dovrebbe andare. Voi avete a cuore e difendete solo gli interessi degli amici di Juncker, ovvero delle grandi multinazionali, dei capitali e dei poteri forti”.

I Popolari europei hanno fatto quadrato nel loro intervento a sostegno di Juncker. I Socialdemocratici idem con patate, stanno col commissario europeo del fisco facile in Lussemburgo. Alternativa per la Germania si è espressa contro. I 5Stelle lo abbiamo detto. Il Fronte nazionale francese anche. E il Carroccio, promotore del no euro? Non lo ha sentito nessuno. Che silenzio.

Gli europarlamentari post padani erano chi a spiegare come avevano vinto, senza accennare minimamente che lassù, nell’Europa odiata e punto forte del bottino elettorale, il no  euro ripetuto per monti e valli e mari, si stava discutendo la sfiducia al caporione della Commissione Europea che annienta i popoli. Altri europarlamentari erano impegnati a difendere Tor Sapienza. Di altri nessuna notizia.

Insomma, avanti così che tanto il popolo è bue.

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. Quante balle…e c’è pure chi gli va dietro senza accertare la veridicità degli articoli….il voto per la censura (sfiducia) è previsto per giovedi 27 novembre 2014…….

  2. Come ogni tanto viene sbattuto in faccia a Salvini, chi gli paga lo stipendio da eurodeputato ?

    Una volta era roma ladrona mantenuti però con i suoi soldi, adesso è europa ladrona e guarda un po’….

  3. Salvini é un collettore di voti, discepolo di quel di Gemonio che, come lui, sceglie solo gente che non gli fa ombra (e la sua è un’ombra molto corta). Non é capace di governare e non ha un orizzonte politico. Unico scopo: collezionare cadreghe da cui non far nulla e incassare indennità

  4. Si va diffondendo sommessamente ma in modo crescente l’idea che, nonostante tutto, se ci fosse solo uno a comandare il numero dei ladroni di regime si ridurrebbe ad una cifra dispari inferiore a tre.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Le due vittorie di Pirro. C'è chi crede ancora nella secessione dolce... di Salvini dall'Italia

Articolo successivo

Scozia, arriva il quotidiano indipendentista "The National"