A proposito di scabbia, malaria e tubercolosi…

ospedale aperturadi MARCELLO RICCI –  Scabbia, malaria e tubercolosi sono tornate ad essere patologie correnti. L’insicurezza rende guardinghi e meno cordiali, in strada chi ti passa accanto viene scrutato e se  chiede un’informazione, istintivamente si ha timore . Serrature, allarmi e telecamere, porte blindate e inferriata sono  molto diffuse anche nelle abitazioni modeste.

Il lavoro nero marcia a braccetto con la disoccupazione. Le carceri sono affollatissime e anche per evitare che l’Europa  condanni a risarcire i detenuti, le pene detentive sono mutate in “ alternative”. Quindi il delitto sempre più paga. I luoghi di culto poco frequentati dai fedeli, lo sono dai ladri che svuotano anche le cassette delle offerte.  Il tessuto sociale è stracciato, il territorio è violentato.

La società soffre ripiegandosi su se stessa, la terra reagisce con le catastrofi ambientali. A verdi e ecologisti di fronte a certi catastrofi ”naturali” non è mai passato per la mente che la natura sia chiamata in causa a sproposito, solo per ignorare e  per assolvere l’eccesso di antropizzazione ?                                 Qual è la giusta densità abitativa? Dio per i credenti, leggi naturali non scritte per gli altri, hanno sempre regolato in un qualche modo l’equilibrio demografico del territorio. L’invasione di migranti continuativa e illimitata, ha alterato ogni equilibrio e scardinato il sistema sociale.

Cancellate lingua, patria, religione, identità. E’ onirico parlare di indipendenza, quando non si ha più il diritto di essere padroni in casa propria. La lingua dei padri si avvia ad essere una lingua morta come latino e greco. Si parlerà solo inglese. Nemmeno. Quale inglese? Quello di Londra, di Edimburgo, di New York , di Sidney, di Toronto, o  di Città del Capo? No, nessuno di questi, ma quello degli invasori, gli stessi che ci riportano le quasi estinte malattie bacillari e parassitarie, che vantano diritti anche quando commettono delitti.

Anche le civiltà muoiono. Nel caso specifico si è in attesa di una nuova o c’è la regressione verso l’uomo di Neanderthal? Cercando di combattere i singoli sintomi senza ricondurli alla vera malattia, s’ imbocca la strada letale del declino senza ritorno. Inutile parlare di legge elettorale, di progetti sensati e insensati quando incombe una minaccia letale. Dicano i partiti se vogliono chiudere le frontiere o farsi invadere senza reagire; leggi elettorali, riforme costituzionali sono falsi problemi che possono attendere.

La Chiesa, che storicamente chiede perdono a distanza di secoli dei propri errori ( le  Crociate, Galileo Galilei, …) dica se vuol essere complice degli invasori anche essi vittime perché usati e strumentalizzati dai potentati economici dello sfruttamento e del profitto o difendere la dignità dell’Uomo. Il mondo deve cambiare e fame e miseria frequentemente indotte, non possono essere l’usbergo dei potentati economici dedicati allo sfruttamento, per ferire e stravolgere ordine e dignità. La povertà non si combatte travasando parte di un continente grande e ricco in uno più piccolo, ma socialmente avanzato.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

L'Ungheria rimanda in Germania i profughi siriani

Articolo successivo

L'Europa è in guerra. Parigi chiude le frontiere, coprifuoco nella capitale. 128 morti al teatro Bataclan