A Bergamo il 24% dei contagi. Regioni del Sud sotto l’1%

Grandi differenze tra regioni e ancor piu’ tra citta’ e citta’, anche vicine fra loro, con il picco raggiunto dalla citta’ di Bergamo, dove le persone venute in contatto col nuovo coronavirus sono state il 24%, risparmiato il Mezzogiorno, che non vede nessuna regione superare l’1% di persone positive al test sugli anticorpi al Sars-Cov-2. I risultati dell’indagine di sieroprevalenza sul Sars- Cov-2 realizzata dal Ministero della Salute e Istat, consegnano un’immagine dell’Italia piu’ che mai diversificata. La Lombardia da sola assorbe il 51% dei positivi al test eseguiti, ovvero in numeri assoluti piu’ di 750.000 persone, cosi’ come ha assorbito il 50% delle morti.

Ma anche all’interno della stessa Lombardia le diversita’ territoriali sono molto state molto accentuate: nelle province di Bergamo e’ stato registrato il 24% di contagiati, a Cremona il 19% e sono le uniche citta’, insieme a Piacenza, ad avere un dato di sieroprevalenza a doppia cifra. La forte differenziazione territoriale e’ simile a quella della mortalita’. Tutte le regioni del sud hanno avuto una sieroprevalenza sotto 1%, e la regione piu’ colpita dal coronavirus si conferma la Lombardia, dove si arriva al 7,5%. La seconda regione, a sorpresa, e’ la Valle d’Aosta con il 4% dei positivi al test. Seguono un insieme di regioni del Centro Nord intorno al 3%.

Nello specifico, il 3,3% nella provincia autonoma di Bolzano, il 3,1% in quella di Trento e in Liguria, il 3% Piemonte, il 2,8% in Emilia Romagna, il 2,7% nelle Marche, il 1,9% in Veneto, l’1,5% in Abruzzo; l’1% nel Lazio, in Toscana e in Friuli Venezia Giulia. Quindi Puglia e Umbria con lo 0,9%, Basilicata 0,8%, Campania e Molise 0,7%, Calabria 0,6%, Sardegna e Sicilia in coda con solo lo 0,3% di positivi al test degli anticorpi. “Il territorio – ha spiegato la direttrice centrale Istat, Linda Laura Sabbadini – e’ la chiave di lettura fondamentale dell’epidemia: i dati dicono infatti che contagiati sono una piccola parte della popolazione complessiva ma arrivano a punte molto alte in alcune aree, e questo significa che non si puo’ assolutamente abbassare la guardia”.

Foto di Mattia Bericchia

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Confesercenti: Iva al 10% sugli alimenti per animali domestici

Articolo successivo

Bernardelli (Grande Nord) al sindaco Gori: se volete liberare il Nord iniziate dal residuo fiscale