A BELLARIA IGEA MARINA C’E’ LA BORGATA CHE DANZA

di REDAZIONE

Bellaria Igea Marina pronta ad ospitare “La Borgata che danza” 2012, il festival di strada di musiche della tradizione orale giunto alla 20^ edizione, in programma dal 25 al 27 maggio.

Manifestazione dedicata alle forme più antiche della musica popolare. Un importante appuntamento culturale, nato nel 1993 su iniziativa del Laboratorio di documentazione e ricerca sociale del Comune di Bellaria Igea Marina, in collaborazione con il Comitato Borgata Vecchia, per valorizzare il patrimonio delle musiche di tradizione orale, riscoprirne il significato nei contesti attuali e creare occasioni di confronto fra le realtà più significative impegnate in questo campo a livello nazionale.

Incontri, mostre, suonatori e cantastorie si alternano nelle strade e nei cortili delle case che si trasformano in antiche osterie dove le famiglie cucinano i cibi della tradizione facendo rivivere così l’atmosfera e i suoni della socialità delle nostre origini.

La manifestazione – riporta il quotidiano online riminitoday.it – conosciuta a Bellaria Igea Marina anche come Festa della Borgata, è un festival dedicato alle antiche forme di musica popolare, in particolare quelle tramandate attraverso i modi della comunicazione orale e visiva, senza l’utilizzo della scrittura. Il Festival si propone di riscoprirne il significato nei contesti attuali chiamando a confronto varie realtà impegnate in questo campo nei luoghi dove vivono.

Il Festival si tiene ogni anno, a maggio, nel nucleo storico della Borgata Vecchia di Bellaria, nelle vie Ionio e Romea. Si tratta di un importante appuntamento culturale nato nel 1993 su iniziativa del Laboratorio di documentazione e ricerca sociale del Comune di Bellaria Igea Marina in collaborazione con il Comitato Borgata Vecchia. Il suo intento è anche di creare un forte momento di socializzazione nella vita del paese prima del “passaggio” alla stagione turistica estiva, e riportare alla luce il nucleo ottocentesco di Borgo Osteria legandosi alla sua storia e alla sua gente.

La manifestazione, infatti, coinvolge spazi domestici, cortili interni e la storica via Romea, che si trasformano in osterie (da Magnùl, da Guiròin, da Marascòun, Il Borgo), dove le famiglie del posto cucinano cibi tradizionali mentre gruppi di suonatori improvvisano canti e balli.
La “borgata che danza” è soprattutto un’occasione di incontro e di confronto fra culture e generazioni diverse, un luogo nel quale le esperienze artistiche e culturali di cui i gruppi invitati sono portatori trovano un contesto ideale per mettersi alla prova, e dare nuova vita a linguaggi e forme espressive che appartengono a vissuti popolari nei quali tutti affondiamo le radici.

Il Festival è divenuto uno tra gli appuntamenti più partecipati e di maggior rilevanza che il Comune di Bellaria Igea Marina promuove ed organizza; si avvale del contributo della Provincia di Rimini e della collaborazione delle istituzioni scolastiche e di realtà associative
del territorio.

Il programma de “La borgata che danza”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

LEONI: BOSSI SI RICANDIDERA' CONTRO MARONI. IL PARTITO E' NOSTRO

Articolo successivo

ZINGARI: "VENITE IN ITALIA, GIRANO SOLDI E TUTTI RUBANO"