60 anni fa la notte dei fuochi in Sud Tirolo

La notte tra l’11 e il 12 giugno del 1961 il movimento irredentista sudtirolese Bas fece esplodere 37 tralicci in Alto Adige. L’ondata di attentati entro’ nella storia come la Feuernacht, la Notte dei fuochi. A 60 anni di distanza Eva Klotz, ex consigliera provinciale e figlia di Joerg Klotz, detto il “martellatore della val Passiria”, ed Edoardo Mori, ex presidente del tribunale del riesame di Bolzano, rispondono, tra l’altro, alla domanda: Terroristi oppure combattenti per la liberta’? Eva Klotz non ha dubbi: “Combattenti per la liberta’. C’era il tentativo di sottomissione da parte dell’Italia. La pulizia etnica e’ stata fermata con la Notte dei fuochi e la battaglia per la liberta’ del Sudtirolo. L’Italia aveva l’obiettivo di raggiungere entro gli anni ’70 la maggioranza italiana in Sudtirolo e allora di noi avrebbero fatto quello che volevano”, dice. D’altro avviso l’ex giudice Mori. “Finche’ – dice – uno non ammazza lo si puo’ definire volendo combattente per la liberta’, nel momento in cui uccide e’ un delinquente punto e basta”. A oltre mezzo secolo di distanza si torna a parlare di grazia. Anche in questo caso la ‘Pasionaria del Sudtirolo’ e’ convinta: “Grazia si’, ovviamente, perche’ non erano terroristi. Hanno fatto di tutto per evitare morti e feriti”, sostiene Klotz. Secondo Mori, invece, “ci sono piu’ motivi per negarla che per concederla”. “Questi terroristi – aggiunge – non hanno fatto nulla per meritarsela, nessun pentimento, nessun risarcimento, nessun atto di ossequio allo Stato. Sono rimasti terroristi e nemici dello Stato italiano”, afferma.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Morte 18enne dopo vaccino. La procura di Genova indaga per omicidio colposo

Articolo successivo

Codacons diffida governo Lega-5Stelle-Pd-Leu-FI. Rizzi: assurdo, chi è vaccinato deve fare tampone al rientro da vacanza all'estero