5Stelle, la disfatta totale. Grillo scarica Conte, torna il partito del voto online. Nuovo direttorio attraverso il computer

Beppe Grillo indìce sulla piattaforma la votazione per eleggere la il Comitato Direttivo del M5s, spiegando che Davide Casaleggio ha acconsentito a che la consultazione si svolga sulla piattaforma. Sul suo blog il fondatore del M5s risponde dunque così alla “sfida” di Giuseppe Conte: “Indìco la consultazione in rete degli iscritti al Movimento 5 Stelle per l’elezione del Comitato Direttivo, che si terrà sulla Piattaforma Rousseau. Ho chiesto a Davide Casaleggio di consentire lo svolgimento di detta votazione sulla Piattaforma Rousseau e lui ha accettato”.

“Non possiamo lasciare che un movimento nato per diffondere la democrazia diretta e partecipata si trasformi in un partito unipersonale governato da uno statuto seicentesco. Vanno affrontate le cause per risolvere l’effetto ossia i problemi politici (idee, progetti, visione) e i problemi organizzativi (merito, competenza, valori e rimanere movimento decentralizzato, ma efficiente). E Conte, mi dispiace, non potra’ risolverli perche’ non ha ne’ visione politica, ne’ capacita’ manageriali. Non ha esperienza di organizzazioni, ne’ capacita’ di innovazione.” Lo scrive Beppe Grillo sul blog.

“Non possiamo lasciare che un movimento nato per diffondere la democrazia diretta e partecipata si trasformi in un partito unipersonale governato da uno statuto seicentesco. Vanno affrontate le cause per risolvere l’effetto ossia i problemi politici (idee, progetti, visione) e i problemi organizzativi (merito, competenza, valori e rimanere movimento decentralizzato, ma efficiente). E Conte, mi dispiace, non potra’ risolverli perche’ non ha ne’ visione politica, ne’ capacita’ manageriali. Non ha esperienza di organizzazioni, ne’ capacita’ di innovazione”, aggiunge il comico.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Berlusconi e il "Centro destra unito". Rizzi: Ma non è la Cdu di Kohl, l'Italia non è la Germania federale e Roma non è Berlino

Articolo successivo

Gli indulti non bastano per risolvere autodeterminazione dei popoli