3 variabili condizionano il rischio di infettarsi

“Il rischio di infettarsi è condizionato da tre variabili: la carica virale del contagiante, il tempo di contatto e la presenza dei dispositivi di protezione individuale, i quali proteggono sia dalla diffusione, sia dall’acquisizione del contagio. E’ chiaro che il trasporto locale pubblico ha meritato più di un’attenzione, ma se guardiamo ai dati rilasciati venerdì scorso l’ambito famigliare è quello in cui maggiormente c’è questa diffusione”. Lo dice Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Cts intervenuto a ‘Porta a Porta’. “La scuola” invece “è l’esempio che meno contribuisce, semmai – aggiunge l’esperto – è il dopo scuola” il momento da tenere d’occhio. Locatelli consiglia ancora una volta di “evitare gli assembramenti” e quanto ai trasporti “aumentare il numero delle corse e dei mezzi”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sindacato infermieri: sconfortante reclutamento studenti per fare tracciatura virus

Articolo successivo

L'attentatore di Nizza era arrivato con un barchino a Lampedusa