27 novembre, decise 4 ore di serrata dalle “Imprese che resistono”

di REDAZIONE

Il movimento ICR – Imprese Che Resistono, composto prevalentemente da piccole aziende e nato come gruppo spontaneo di attività imprenditoriali che vogliono “resistere alla crisi”, ha organizzato per mercoledì 27 novembre una serrata nazionale dedicata alle Partite IVA al fine di comunicare all’opinione pubblica il “perdurare della condizione attuale di crisi economica”, nonché rendere noto l’immobilismo delle istituzioni e il ritardo nella ricerca di soluzioni esulino dall’imposizione di nuove tasse.
L’evento prevede l’avvio di una protesta comune annunciata sul sito ufficiale del movimento.

«Ebbene, il 27 novembre (che è un mercoledì) ci fermeremo per 4 ORE. Anche se il “non” lavorare per noi significa rinunciare a possibili guadagni, senza poter invece rinunciare a dover pagare le tasse, vogliamo ancora SPERARE che il nostro grido di dolore non resti inascoltato. Noi siamo davvero ARRABBIATI perché vediamo che ci stanno rubando il futuro, ci impediscono di crescere, ci costringono a tagliare posti di lavoro in quanto quei soldi che vorremmo continuare a pagare ai nostri dipendenti invece li dobbiamo, obtorto collo, dare allo Stato per fini sempre più innominabili».

Per chi volesse ulteriori informazioni, ecco l’evento in Facebook: clicca qui

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Debito e disoccupazione troppo alti: Italia sotto osservazione

Articolo successivo

La Germania va troppo forte e la Ue vorrebbe fermarla