Si dimette il leader della Brexit. Johnson lascia Downing Street

“Nella politica nessuno e’ indispensabile”. Lo ha detto il premier britannico, Boris JOHNSON, durante una conferenza stampa a Downing Street, annunciando le sue dimissioni di leader del Partito Conservatore e primo ministro. “Il nostro ottimo sistema produrra’ un nuovo leader per superare le situazioni difficili che vice il Paese”, ha aggiunto. “Chiunque sara’ il mio successore daro’ il mio sostegno”, ha sottolineato.Sono “triste di rinunciare al miglior lavoro del mondo”. Boris JOHNSON restera’ in carica “fino a quando non sara’ scelto un nuovo leader”.

La posizione di Boris JOHNSON era in bilico ormai da molti mesi, soprattutto a causa del Partygate, ovvero i festini che si sono tenuti a Downing Street durante le settimane più restrittive di lockdown per il paese, uno dei quali avvenuti durante il lutto nazionale a seguito della scomparsa di Filippo di Edimburgo, consorte della Regina Elisabetta II. Ma i problemi di JOHNSON sono iniziati quasi immediatamente dopo la sua clamorosamente larga vittoria alle elezioni del 2019. La gestione della pandemia, con il forte ritardo rispetto agli altri paesi europei nel prendere una posizione e mettere in sicurezza la popolazione, fu il primo campanello di allarme. In seguito ci fu la protezione nei confronti del suo consigliere personale, Dominic Cummings, poi licenziato dall’oggi al domani, altro errore strategico che ha portato a una vendetta da parte di quello che fu l’architetto della Brexit sotto forma di numerosi post contro l’ex datore di lavoro nel suo seguitissimo blog. E poi la Brexit, che JOHNSON ha ratificato dopo le difficoltà dell’esecutivo di Theresa May, ma che ha creato enormi problemi all’economia del Regno Unito e portato a contrasti anche pericolosi, come la spinosa questione della frontiera dell’Irlanda del Nord ancora lontana dall’essere risolta,

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Invasi alpini hanno incrementato volumi d'acqua. Non aspettare i tempi della burocrazia regionale per la crisi idrica

Articolo successivo

Frena il lavoro, crescono i prezzi, non si ferma la corsa del disagio sociale. Confcommercio: giù consumi e offerte di lavoro