“Fraja Veneta”, il digiuno per i patrioti continua, sempre nuove adesioni

F. PADOVAN – D. QUAGLIA

Aumenta il numero di nuovi aderenti allo sciopero della fame in appoggio ai patrioti veneti che sono incarcerati. Aumenta parallelamente anche il fervore indipendentista, stimolato dall’evidente ingiustizia di queste carcerazioni, che fanno ribollire il sangue anche a tanti uomini mansueti. 30 Lunedì scorso, 29 ieri, 28 oggi. Ma  abbiamo notizie di molti che non comunicano in sede Life il loro digiuno. Invitiamo pertanto, chiunque stia digiunando di farcelo sapere.

Hanno già digiunato anche esponenti politici, come l’europarlamentare Mario Borghezio, che ieri ha perorato nell’aula dell’Assemblea Europea, la causa dei Veneti in prigione. Ha incassato subito la solidarietà di alcuni colleghi di altri Stati, e ci comunica che stanno organizzando un comitato di europarlamentari che intendono far luce sulla repressione dei diritti civili in Veneto.

Oggi digiuna Riccardo Szumski, Sindaco di Santa Lucia di Piave, che ha promesso di non celebrare il 2 Giugno se lo Stato non cambierà atteggiamento. E poi tante storie toccanti. Come l’ungherese, maestro d’abaco, Franz Joseph Ludwig Marchesan; come Michele Bendazzoli, di Breganze (VI), che offre addirittura 6 giorni di digiuno. Come Migotto Sandro, diabetico e malato di cuore, già due volte infartuato. Come Christian Lazzarini, di Selvazzano Dentro (PD) che dichiara di digiunare”…perché questi giorni restino ben impressi nella mia memoria”. E quest’ultimo con due parole centra perfettamente quanto sta accadendo in  questi giorni tristi da un lato, ma pieni di entusiasmo dall’altro. Tutti i partecipanti sono visibili sul sito www.life.it: no balle!, ma gente vera, determinata!

E la “Fraja Veneta”, nata sul dolore di oltre 50 famiglie colpite dagli inquirenti, sul sacrificio e le privazioni dei patrioti veneti incarcerati, sul sacrificio attuale di tanti digiuni, si sta erigendo ormai come una realtà che si sta radicando nei cuori veneti. Dal male sta nascendo questa grande fratellanza che sta prendendo coscienza ogni giorno in maniera più forte. Domenica della Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo, giorni di gioia e della Resurrezione di Nostro Signore, il digiuno sarà sospeso, e riprenderà Martedì 22/04/14 a oltranza finchè anche l’ultimo Veneto non sarà reso alla Sua Famiglia.

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. io vi ammiro,da cristiano e da ligure….veneti! spero che grazie alla vostra coscienza cristiana e alla devozione per s.marco torniate,presto,padroni di quella terra che è da sempre la vostra!!!!auguri di resurrezione,con la pasqua del signore!la resurrezione di Cristo,che vi aiuti a realizzare il vostro sogno di uomini giusti e buoni.

  2. Ma endove xeli i 2milioni de veneti ke li garia vora SI al referendo sondajo par l’endependensa?

    Le paciolete le xe spareste tute, gnanca ki le scrive pì, le xe caxa co la scagarela o el cagoto.

    A paciole le jera forti, ma co ghè da far i fati le xe bone scondarse parfina dadrio la so onbra.

    A ciacole a jerimo xa endependenti, a ciacole li xera fenomani, ma li xe ncora drio contar e verefegar i voti e scometo ke sta conta e sta verefega no la ga na scadensa.

    • E ti, cossa situ drio organizar? Cossa situ drio far? Me par che de paciolete te ghe ne capissi benon, par via de na granda esparienza personale! Qua de ciacole vedo sol che le toe.

      • Bortolo ti ke te se tuto, ne seto dir endove ke li xe sti 2milioni de veneti ke li garia votà SI al referendo, parké coà me par ke no li veda nesuni?

        E gnanca me par ke sipiemo endependenti o forse lo semo e nesun però el se ga enacorto?

        Ma come xela sta storia, semo endependenti però li taliani li se parmete de metar en prexon preventiva on fracon de veneti sensa ke li gapie conbinà gnente?

        Xe vero ke ki fa a olte el pol xbajar, ma pitosto de far del mal o de enganar la purpia xente xe mejo no far gnente.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

L'Efa porta in Europa il caso degli indipendentisti arrestati e indagati

Default thumbnail
Articolo successivo

Referendum Veneto, Zaia: il Consiglio regionale è sovrano