Zaia: un voto storico nella vita di questa Repubblica!

zaia veneto “Non è mai accaduto nella storia della Repubblica che una Regione sia autorizzata a un referendum di questo tipo. Noi consegniamo in mano ai veneti questa opportunità e decideranno loro cosa fare. L’invito come sempre è ad andare a votare per dimostrare di essere una comunità. E’ importante aprire una trattativa dicendo a Roma che dietro di me c’è un popolo, non solo elettori di questo o quel partito”. Così il presidente del Veneto, Luca Zaia, parlando oggi a Venezia del prossimo referendum per l’autonomia della Regione. “Io alle 7 di domenica mattina sarò al mio seggio a votare perchè è giusto dare un segno – ha aggiunto il governatore -. Se non ci sarà il quorum non sarà una mia sconfitta, il mio dovere l’ho fatto e ho messo i veneti nelle condizioni di poter decidere. L’opportunità c’è e saranno loro a decidere se votare oppure no”, ha concluso.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. giancarlo says:

    Per i Veneti votare SI’ è una questione di giustizia.
    E’ vero che la Lega si è svegliata….proprio adesso…..con questi referendum, ma si sarebbe potuto trattare con roma anche prima come giustamente rimarcato da Caterina relativamente all’E.Romagna.
    In ogni modo questo potrà essere il primo passo verso l’indipendenza del Veneto.
    Infatti, se le due regioni non riusciranno a scollari dall’italia, ottenendo libertà di decisione a livello fiscale e anche nella gestione delle scuole, l’italia non andrà da nessuna parte.
    Il debito pubblico ogni mese aumenta….le clausole di salvaguardia vengono stoppate aumentando il debito pubblico anziché diminuire la spesa pubblica ad iniziare dagli stipendi dei parlamentari, giudici, dirigenti etc..la legge Fornero è l’esempio lampante di come si possa massacrare il Popolo salvaguardando lor signori……. !!
    WSM

  2. caterina says:

    …e continua a cantarsela… ciò che “si chiede” ed è stato “autorizzato” significa appunto che è perfettamente innocuo a Roma… ma certamente è pubblicità a nostre spese per i leghisti Zaia e Maroni… d’altra parte la Lega aveva bisogno di ripulirsi la faccia!
    Chissà perché senza spendere un soldo l’Emilia-Romagna sugli stessi temi, peraltro citati nella tanto declamata e incompiuta costituzione, sta trattando col governo a Roma…
    Errore grave di Zaia aver posto il quorum…neppure fra due capi leghisti hanno trovato una linea comune… un bel match tutto da godere…

Reply to caterina Cancel Reply