Zaia e Maroni, battete moneta del Lombardo-Veneto se siete davvero contro Roma

di MARCELLO RICCIzaia maroni

Come Milano nel 1848 si rivoltò contro l’impero austro-ungarico, così oggi, stante la deriva autoritaria del roditore fiorentino, c’è l’occasione per insorgere e staccarsi da Roma.
Mutatis mutandi , Lombardia e Veneto, regioni governate da indipendentisti, possono insorgere senza versare sangue umano.
Ecco come: gli uffici tributari delle due regioni devono trattenere quanto riscosso in loco anche per pagare direttamente stipendi ai dipendenti dello stato centrale che operano fattivamente nel territorio (carabinieri , polizia, magistrati , insegnanti, pensionati, ….). Nemmeno un euro deve essere versato a Roma. Il pagamento diretto delle categorie prima citate, passa in capo alle regioni che in tal modo assicurano la continuità dei servizi e pongono le basi per un effettivo e definitivo distacco da Roma Capitale degli italioti.

L’ attuale esercito, al Lombardo-Veneto non interessa, particolarmente la Marina ridotta ad essere servizio di trasporto per clandestini. Sono oneri pesanti, in compenso il debito pubblico resterà a Roma che l’ha creato. Cosa potrà fare Roma ignobile Capitale? Poco o nulla, non spara sui clandestini e non potrà farlo contro i lombardo-veneti.
Si porrà particolare attenzione al sistema bancario e si dovrà creare una rete creditizia attraverso le Casse di risparmio, che daranno vita ad un Istituto Bancario Centrale Lombardo-Veneto. Anche l’euro sarà un problema, intricato e pesante, perché europeo. Lo si manterrà per i rapporti con il mondo, mentre nell’ambito del neonato Stato Lombardo-Veneto e solo per uso interno, sarà in uso una moneta parallela, magari con le effigi di Zaia e Maroni e sul rovescio di piazza S. Marco e della Madonnina.
A volte i mutamenti prendono le mosse dai sogni, dai desideri e se questi sono molto diffusi possono tramutarsi in realtà. Dalla potenzialità all’attualità. Nella speranza che quanto detto non sia solo l’abito mentale di chi scrive queste righe, ma sia di molti altri , che nel timore di essere soli, non lo manifestano. Si spera che in questo grido solitario, molti si riconoscano, così come avvenne con l’esistenzialismo, nato come confessione pubblica dello stato d’animo di singolo (Kierkegaard), si tramutò in un movimento importante e diffuso. L’intimo convincimento, la segreta speranza esca dal pensiero , si traduca in concreta e operante realtà.
Nella consapevolezza che leggi liberticide vietano la disobbedienza fiscale, si accetta il rischio delle sanzioni , prova del nove della esistente limitazione di libertà.

Print Friendly

Articoli Recenti

8 Commenti

  1. Bortolo says:

    Non credevo vi metteste a pubblicare anche novelle umoristiche. A parte l’esilarantissima barzelletta delle due regioni governate da indipendentisti, forse l’estensore dell’articolo ignora che le tasse vengono versate direttamente a roma e non alle regioni, che quindi non possono trattenere un bel niente.
    “Cosa potrà fare Roma ignobile Capitale? Poco o nulla, non spara sui clandestini e non potrà farlo contro i lombardo-veneti.” Forse l’estensore vive all’estero da molti anni, ma l’i-taglia è uno stato che non persegue i delinquenti, ma è spietato contro chi lo mette in discussione. Basta fare il confronto delle pene comminate, ad esempio, a chi uccide la propria madre e a chi, senza far male a nessuno, issa sul campanile di San Marco il gonfalone serenissimo. Per non parlare delle recenti indagini, non prive di galera per gli indagati, riguardanti la ruspa camuffata da tanko.
    Decisamente spassose le proposte economiche. Banca centrale del Lombardo-veneto? A parte che le banche centrali sono una delle cause dell’attuale situazione economica mondiale, quindi auspicabilmente sarebbero da eliminare tutte, e non crearne altre, ma chi dovrabbe farla? Io e Lei, insieme a Topolino Pippo e Pluto?
    “Anche l’euro sarà un problema, intricato e pesante, perché europeo. Lo si manterrà per i rapporti con il mondo, mentre nell’ambito del neonato Stato Lombardo-Veneto e solo per uso interno, sarà in uso una moneta parallela, magari con le effigi di Zaia e Maroni e sul rovescio di piazza S. Marco e della Madonnina.”
    Una moneta parallela solo per uso interno? E per i rapporti con l’estero si userà l’euro? Cioè un po’ come succedeva in unione sovietica col rublo e il dollaro? Che idea portentosa! Dove l’ha letta? Nel manuale delle giovani marmotte? (con tutto il rispetto per le giovani marmotte).
    Ma scusi, ha una minima idea di cosa sia una moneta? Le ci vorrebbero un po’ di nozioni economiche di base. Dovrebbe poterle trovare in un sussidiario di quinta elementare.
    “Nella consapevolezza che leggi liberticide vietano la disobbedienza fiscale, si accetta il rischio delle sanzioni , prova del nove della esistente limitazione di libertà.”
    Comodo scrivere. Lei quante sanzioni ha già preso, in attesa che tutti smettano di pagare le tasse?
    Per fotuna Roma cadrà pei vizi suoi, altrimenti, con questi chiari di luna, l’indipendenza rimarrebbe una felice utopia per millenni.

  2. Igor says:

    Lo sciopero fiscale è un reato.
    Lo sciopero dei redditi no: basterebbe che ci mettessimo a lavorare e a guadagnare lo stretto indispensabile per un paio d’anni, e lo Stato Italiota crollerebbe.

    • oscar says:

      se vuoi viver a pane e acqua fai pure, ma se ti serve un extra per qualcosa che fai ? pensa anche solo alla salute : o hai i $ x visite private o aspetta e prega molto.

  3. GPaolo says:

    Pur di avere una poltrona cosa non fanno questi politici!

  4. Marco says:

    “Lombardia e Veneto, regioni governate da indipendentisti”. Ho smesso di leggere qui.

    • Stefania says:

      Anche io non condivido, non credo affatto che lo siano. Tuttavia credo nella libertà d’opinione dei collaboratori e nel diritto ad un confronto. Infatti il titolo dice proprio questo: se lo siete davvero, indipendentisti, dimostratelo. Non lo dimostreranno, lo sapremo una volta di più.

    • davide says:

      si in effetti a me ha fatto ridere, ma si sarà riferito solo ai legaioli o anche ai loro alleati di governo? CL, fardelli di itaglia, berluscones e altre sigle vuote …no perché se no è abbastanza preoccupante! comunque quelli che al sud votano “noi con salvini” presumo che potranno di diritto entrare in queste regioni governate dagli indipendentisti …tra l’altro hanno governato queste regioni da decenni ormai e l’italia intera per diversi anni senza nessun risultato non si capisce perché lo debbano raggiungere proprio ora che con roma c’è da pappare nella mangiatoia dell’expo…

  5. michelelfrer says:

    Tratto liberamente dal “principe ” del Macchiavelli : ammazzagli il padre , stupragli la madre ma non toccargli le palanche.
    Confido in uno o più scioperi fiscali , sperando che lo stato non inventi l’accusa di terrorismo fiscale.

Lascia un Commento