Zaia: basta alla guerra tra bande in casa Liga Veneta

di REDAZIONE

Stop alla “guerra tra bande” nella Lega Nord, e “un passo indietro” fra le due ‘correnti’ del Carroccio. Cosi’ stamattina il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e’ tornato con un monito al partito dopo l’esposto inviato da Santino Bozza, consigliere regionale della Lega, in particolare sulla gestione del gruppo consiliare da parte dell’allora capogruppo Flavio Tosi, che ha comportato un’indagine a palazzo Ferro Fini della Guardia di Finanza.

“Qui siamo a una guerra fra bande e siamo gia’ allo scambio di prigionieri. Invito tutti a fare un passo indietro, perche’ cosi’ non va”, ha attaccato. “Ho la massima fiducia nella magistratura e mi fido di chi sta indagando – ha detto Zaia, a margine della seduta della giunta regionale – Ben vengano i controlli sulla classe dirigente del Veneto. Sara’ l’occasione per trasformare eventuali problemi in risorsa. E, in ogni caso – ha spiegato – c’e’ bisogno di lavorare in tranquillita’”.

Quanto alla gestione Tosi, messa in discussione da Bozza, Zaia ha precisato di non “essere l’avvocato difensore dell’attuale segretario nazionale” della Liga Veneta. “Vorrei, pero’, che i panni sporchi si lavassero in casa. E non dimentichiamo che prima di tutto viene il bene del partito. Mi sembra, invece, che adesso si stia esagerando opposto. Invito tutti a fare un passo indietro. Io non voglio buttar via 20 anni di militanza per cose del genere”. Dunque, ha concluso rivolgendosi ai compagni di partito, “tutti a lavorare pancia a terra” perche’ “il Veneto ha ben altri problemi”, primo fra i quali la disoccupazione. Per il partito, poi, il momento “dei conti” verra’ dopo le elezioni.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Marco Mercanzin says:

    Santino Bozza , testa di legno della Goisis, pseudo pasionaria della bassa padovana, fedelissima di Bossi.
    Pur di non far vincere gli altri, distruggono la lega.
    Magari ci riuscissero del tutto…….

  2. gigi ragagnin says:

    dopo le elezioni se ne vedranno delle belle in Veneto.

Leave a Comment