Zaia: “Andrò a manifestare per l’Indipendenza”. Con Veneto Decida

di REDAZIONE

Sono stato invitato, saro’ presente in quanto considero il tema, ovvero l’indizione del referendum, una richiesta assolutamente in linea con i dettami del diritto internazionale e della costituzione e un atto di alta democrazia nei confronti dei veneti”.

Cosi’ il governatore del Veneto Luca Zaia per quanto riguarda la manifestazione di domenica a Bassano del grappa promossa dal movimento ”Il Veneto decida” a sostegno del referendum per l’indipendenza della regione.

VENETO DECIDA ha annunciato che il 1 dicembre 2013 si terrà a Bassano del Grappa (Vi) una grande manifestazione a sostegno del referendum, con ritrovo alle ore 14 in viale Fosse – General Giardino. Alla manifestazione parteciparenno tutti i Veneti che vogliono tornare protagonisti del loro futuro, senza simboli di partiti o movimenti ma solo con le bandiere di San Marco; anche quest’ultimo è stato un punto condiviso all’unanimità e ribadito in conferenza stampa. Sarà la prima manifestazione veramente unitaria, dopo anni di divisioni e frazionamenti interni che spesso hanno purtroppo caratterizzato i rapporti fra i vari movimenti indipendentisti/autonomisti veneti. Migliaia di persone marceranno unite sotto un unico simbolo, il Leone Marciano.

Una domanda sorge spontanea però: ma perchè non ha fatto votare la risoluzione 342 in Consiglio regionale?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

30 Comments

  1. Modena Libera says:

    Da morire dal ridere.
    Solita propaganda di gente che dall itaglia ha avuto seggiole e potere.
    Vai Zaia, lotta per l’Indipendenza, magari al fianco di Tosi in fascia tricolore e con la sua congrega di fascisti centralisti…

    Ducato di Modena

  2. Flavio says:

    ZAIA HA APPENA TOLTO L’AUTONOMIA AI COMUNI CON IL PIANO SUI CAPANNONI E SULLE CASE, TOGLIENDO IL POTERE AI SINDACI …. ED ORA DOPO DUE GIORNI HA IL CORAGGIO DI PARLARE DI INDIPENDENZA DEL VENETO ?

  3. Amedeo says:

    Quelli che sono entrati nella lega, non saranno i socialisti che si sono nascosti in mezzo agli altri partiti?

  4. giangiovanni says:

    Il progetto di legge 342 non è stato votato in consiglio regionale e probabilmente non si riuscirà a farlo votare neanche in seguito perchè ci sono consiglieri regionali che non rappresentano il veneto ma solo se stessi. Traditori de popolo, Gentaglia che non ha il LEONE NEL CUORE.

  5. Cesira says:

    Zaia con il Veneto Decida e Tosi con Plebiscito 2013.Uguale lega Veneta spaccata.

    • ermanno says:

      spaccata ? bhe no son abbastanza diversi :

      il veneto decida , indipendenzaveneta, deve aspettare che i consiglieri decidano…
      plebiscito2013 farà il plebiscito il 16 febbraio.

  6. Aquele Abraço says:

    Far votare una risoluzione, se ancora non ci sono i numeri perché passi, è da stupidi. Molte teste in regione devono ancora cambiare la propria visione e lo faranno solo vedendo che i movimenti e le forze sul territorio come “il Veneto decida” prendono sempre più consensi e forza. Il fatto che Zaia, un governatore che ha il favore e la stima generalizzata dei veneti che sicuramente lo rieleggerebbero, abbia accettato l’invito di Veneto Decida è sicuramente positivo e interessante in prospettiva.

  7. Trasea Peto says:

    Zaia e na pasua de poitici ke ghemo dae nostre bande i xe l’italia inte’e Venesie, i xe la sicuresa pa’l Stato italian de eser ncora paroni de ste tere.

    Pa’ el Stato italian mal ke ‘a vaga i ne darà ‘l’autonomia e Zaia pi de la no se move, gnanca l’è bon de dir indipendensa dee Venesie. Avendo Zaia el Stato italian el xe inte na bote de fero.

    Te fè ora morir tubercoeo se te speti de liberarte dal Stato italian co Zaia.

  8. Giorgio da Casteo says:

    Ci sara’ anche Zaia ? Bene !
    Ma dal suo consiglio regionale ,ente periferico dello stato occupante a statuto ordinario, mai nulla di indipendenza ci sara’ concesso.Le catene di Roma che lo vincolano non glielo permettono
    La strada verso la liberta’ dovra’ essere un’altra !
    Viva San Marco

  9. Trasea Peto says:

    par rancurar su voti và ben anca farse na pasejada Basan

  10. Francesco S. says:

    Penso che di Bellunesi partecipanti ce ne saranno pochini; al tempo la serenissima ha solo spogliato il nostro territorio
    di risorse e gli attuali governanti continuano a farlo!! (vedi lo sfruttamento delle acque)

  11. Giovanni Romanin says:

    Zaia deciditi.
    E’ ora di muoversi e mettersi alla testa degli indipendentisti (compresi quelli ancora presenti in Lega Nord) per riprendere la nostra sovranità.

    Zaia e il Consiglio Regionale hai bisogno del sostegno popolare per poter adottare decisioni così importanti come l’approvazione della risoluzione 342 oppure per proclamare l’atto di indipendenza.
    Ma se Zaia partecipa e si mette alla testa delle manifestazioni e dei cortei per l’indipendenza la gente accorrerà in massa e darà l’appoggio popolare che ci serve.

    Forza Zaia, il tuo popolo aspetta e vuole vederti alla testa dei cortei per seguirti

  12. Nicola says:

    Ah, il grande GOVERNATORE! Ogni volta che ho la ventura di rivederlo, con quella sua criniera imbrillantinata, con il suo piglio deciso e nel contempo rassicurante, il ventricolo sinistro del mio stanco muscolo cardiaco ha un sussulto. Un vero Cuor di Leone, il nostro Luca. Come siamo fortunati noi veneti! Un uomo siffatto ci guiderà di sicuro all’indipendenza, anche perché il Nostro milita da decenni nel partito che ha garantito alle genti del nord un progressivo ed incrementale benessere, abbassando sensibilmente le tasse e l’ingerenza nella nostra vita del disprezzato stato italiano e assicurando alle genti del Veneto e della Lombardia prosperità e felicità.
    Ma venendo all’articolo che annuncia la sua graziosa e benevola partecipazione alla manifestazione di Bassano, non posso che sottolineare la pregnanza della domandina finale. Forse un po’ cattivella. Ma estremamente utile per apprezzare l’incommensurabile credibilità del novello Napoleone.
    A questa mi si lasci aggiungere una riflessione che i più smemorati gradiranno. Riguarda la Risoluzione 44 approvata dal consiglio regionale veneto il 28 novembre 2012 e che da allora (cito):

    impegna il Presidente del Consiglio regionale del Veneto ed il Presidente della Giunta regionale del Veneto

    ad attivarsi, con ogni risorsa a disposizione del Consiglio regionale e della Giunta regionale, per avviare urgentemente con tutte le Istituzioni dell’Unione europea e delle Nazioni Unite le relazioni istituzionali che garantiscano l’indizione della consultazione referendaria innanzi richiamata al fine di accertare la volontà del Popolo Veneto in ordine alla propria autodeterminazione sino anche alla dichiarazione di indipendenza;
    impegna altresì il Presidente del Consiglio regionale del Veneto
    ed il Presidente della Giunta regionale del Veneto

    a tutelare in ogni sede competente, nazionale ed internazionale, il diritto del Popolo Veneto all’autodeterminazione.

    Beh, dopo un anno in cui si sono verificati innumerevoli suicidi di imprenditori, in cui l’economia veneta sta collassando sotto il peso criminale della fiscalità italiana, in cui le prospettive per il futuro spingono migliaia di giovani a fuggire da questa terra devastata, quale bottino funzionale all’indipendenza ci hanno portato a casa dalla UE o dall’ONU il governatore Zaia e il presidente del consiglio regionale Ruffato?
    La risposta è O, ZERO, NIENTE, RIEN, NADA, NOTHING, Ничего, NICHT…

    Ma allora che senso ha la sua partecipazione a Bassano? Beh, forse, forse, con le elezioni amministrative del 2014 alle porte e con quelle regionali di lì a poco, una lucidatina agli ottoni dell’indipendenza non guasta di sicuro. O no?

    • Johnny says:

      Mi credo che Zaia el fassa el mejo chel pol. Se fusse in lù farìa anca mi un passo indrio, magari passo par anti indindipendentista però nel profondo el sa che cuando che xe ora, lù a firma ghe a mette, cosa che no farìa magari naltro.. E po’ el se ga sempre espresso a favor dee tradision venete, secondo mi el xe patriota..infiltrato al posto giusto par far e mosse giuste. Se el gavesse espresso tempo fa na palese volontà indipendentista magari desso nol saria qua, i lo gavaria fatto fora politicamente. Perciò in sto caso a poltrona el ga fatto ben a tegnersea, oltre ala dignità..el xe sta abile su un teren diffissie.

    • Barbara Vr says:

      Ha il senso di dire che è d’accordo coi veneti che parlano e non fanno…
      Ha il senso che un po’ si para il culo…che mette il piede in una scarpa…la prova…
      Che un domani potrà dire anch’io ero con voi…
      Intanto prende i soldi da Roma, che poi sono i nostri, e si fa i caz..i suoi e dei suoi amici…
      Zaia mac veneto ogm
      Che contribuisce, avvalla e assiste alla catastrofe del veneto

  13. “in linea con i dettami del diritto internazionale e della costituzione”

    e se non fosse stato in linea con la costituzione italiana, che avrebbe fatto Zaia? Capitani coraggiosi…

  14. Enzino53 says:

    Finalmente si muovono i pezzi da novanta. Zaia mi è sempre piaciuto come personaggio e sicuramente il suo peso politico sarà importante. AVANTI TUTTA! BARRA AL CENTRO abbiamo il vento in poppa.

  15. diego says:

    No gò tanta bona opinion del rixeto coa pomata che sluse.

  16. giorad says:

    Forza Repubblica Veneta.

  17. ermanno says:

    Zaia ha saltato la staccionata, ci conferma di saper anche lui che la Lega è finita…

    cmq i consiglieri regionali che rappresentano i Veneti non posson piu tardare a decider se far o no il referendum.

    • Giuseppe says:

      “Zaia ha saltato la staccionata, ci conferma di saper anche lui che la Lega è finita…”. Oppure anche lui da ieri spera in qualcosa di nuovo…

      • ermanno says:

        spera di far bella figura
        sarà colui che ha aprovato la 342 efinalmente faremo referendum tre mesi fa, il 6 ottobre 2013.

      • Barbara Vr says:

        Lui che “sarebbe un istituzione” dovrebbe aver dato l’esempio per primo ( da governatore avrebbe avuto un largo consenso a qualsiasi vera battaglia) non aspettare l’esasperazione della gente ( lo slogan prima il veneto …a pagare…non interessa più )
        Sono morte troppe persone fisicamente e psicologicamente.
        Adesso può fare quel che vuole …

        Magari un po d’aria buona gli fa bene…

  18. Comitato Ultimi Veri Venexiani says:

    BASTA ITALIA, BASTA DIASPORE DEI VENETI, BASTA PARTITI, TUTI UNII CO’ EL SEGNO GRANDO & FORTE DE SAMARCO PAR LA VITORIA FINAL !!!
    WSM

  19. Johnny says:

    Bisogna darghe na medaja a sto omo. In tenpi de guera xe na fortuna essar governai da xente cussì

    • Barbara Vr says:

      O è perché siamo stati governati da gente così che siamo finiti così ?

      • Johnny says:

        Siamo finiti così chi? L’Italia è nella palude perchè c’è una politica disinteressata, ma il Veneto ricordo che ha migliorato la sanità che è in attivo coi conti, le università sono le migliori, poi per il lavoro dipende dal mercato e i nostri imprenditori sangue dai muri non ne cavano. Il 65 per cento di pressione fiscale dipende da roma non da palazzo ferro fini. I servizi che ci offrono i nostri sindaci, che già sono buoni, si basano non solo sui miseri soldi che roma mette loro a disposizione, ma anche sulla volontà e la serietà che lor cittadini hanno nei confronti dei connazionali veneti. Perciò io distinguerei tra pagliacciate italiane e quello che certi amministratori veneti nelle limitate possibilità hanno potuto fare, Zaia compreso.

  20. Ah beh, sì beh, ah beh, sì beh !
    Se ghe sarà Xaia, lè na garansia kel referendo el se tegnarà par çerto o dal bon.
    Ah beh, sì beh, ah beh, sì beh !

  21. recte Veneto DecidA! Speriamo davvero partecipi! Saluti comacini.

Reply to Alberto Pento Cancel Reply