svizzera

di CASSANDRA – Al Nord non interessa, a me sì! Elezioni in Svizzera, primo turno. In Italia nessuno ne parla, neppure la Lombardia e i sui politici si sono accorti che si votata eppure siamo a due passi dal confine e decine di migliaia di frontalieri ogni giorno varcano quella soglia portando lavoro e generando ricchezza… Vediamo l’esito stando ai numeri dell’Ufficio federale di statistica (UST): vittoria dei  Verdi in Consiglio nazionale: il partito di Regula Rytz prende 13,2% dei voti, balza in avanti del 6,1% in più.

 Commenta infatti il Corriere del Ticino che “La crescita realizzata dagli ecologisti è la più forte da quella ottenuta nel 1999 dall’UDC (+7,6% al 22,5%). Nelle elezioni di ieri i democentristi si sono confermati primi con il 25,6% delle preferenze, subendo però un calo di 3,8 punti. Il PS mantiene la sua seconda posizione, ma perde 2 punti e scende al 16,8% dei voti. Terza formazione è il PLR, con il 15,1% (-1,3 punti)”.
Il PPD v all’11,4%, i Verdi lberali prendono il 7,8% di preferenze, il PBD è al 2,4%, il Partito evangelico è all’1,9%, l’Unione democratica federale all’1%, il Partito del lavoro è all’1% e i sovranisti cugini di Salvini prendono un esagerato 0,8!