Vogliamo il divorzio breve anche dalla politica e dallo Stato italiano

di GIULIO ARRIGHINIdivorzio

Ancora me la ricordo quella domenica del referendum sul divorzio. Ero piccolo. E oggi, dopo oltre 40 anni e dopo il voto alla Camera abbiamo anche il  divorzio breve. Non saranno più necessari 3 anni per dirsi addio, come previsto dalla riforma della legge Fortuna-Baslini, ma solo 6 mesi, se la separazione è consensuale, e al massimo un anno se si decide di ricorrere al giudice.

Ma la mente mi porta altrove, a sognare. A sognare un paese dove divorziare dal cappio dei leader dei partiti finto giovani sia possibile e dove sia legittimo votare per mandare a quel paese anche l’Italia col suo Stato. Fino ad oggi è un menare il torrone avanti e indietro con proposte di referendum consultivi per chiedere semmai se forse ai cittadini piacerebbe avere l’autonomia dei gerani alle finestre come in Sud Tirolo.  Perché lì ci siamo fermati. O per chiedere ai lombardi se piacerebbe loro essere un po’ più autonomi. Che è come dire: ti piace di più essere preso per il culo o ricevere rispetto?

Insomma, la faccio molto breve, tanto la strada del buon senso è di solito corta e stringata: a quando il diritto di autodeterminazione, il nostro divorzio breve, brevissimo dallo Stato italiano? A meno che si pensi che la politica la si faccia solo a colpi di ruspa o di barconi. Magari, sedersi e trattare con Roma renderebbe poi facile ruspare via tutto il superfluo, compreso anche chi si sente più eroe degli altri. Tanti saluti, poco romani.

Segretario Indipendenza Lombarda

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Dan says:

    Basta smettere di pagare gli alimenti ed il divorzio è bello e servito

Lascia un Commento