VivereVeneto: “Non siamo stati ceduti all’Italia nel 1866”

di ALESSANDRO MOCELLIN E GIORGIO BURIN- Il protagonista principale dei fatti in questione, cioè il Popolo Veneto chiamato dal Trattato di Vienna ad essere “debitamente consultato”, è stato invece ampiamente trascurato da coloro che hanno tessuto le trame del gioco.

Immaginiamo cosa era il Veneto all’epoca. Nel 1866 erano ancora vivi molti che nella loro infanzia erano stati cittadini della Serenissima. Certamente la maggioranza dei votanti era cresciuta in un ambiente sociale e familiare in cui il ricordo della Serenissima era molto vivo.

Lissa1In aggiunta a questo, pochi mesi prima dei fatti del Plebiscito i Veneti avevano combattuto vittoriose battaglie, come soldati dell’Esercito e della Marina austriaca, contro il regno sardo-piemontese dei Savoia, recentemente diventato Regno d’Italia.

Una quarantina di Marinai Veneti erano stati addirittura decorati dall’Austria per il loro comportamento durante la battaglia di Lissa, ove la marina italiana fu sonoramente battuta dai successori della Imperial-Regia Marina Militare Austro-Veneziana. Risulta difficile credere che dopo aver rischiato la vita per l’Austria contro l’Italia, abbiano entusiasticamente votato per l’appartenenza allo Stato dei nemici di pochi mesi prima.

chilone_cavalli_San_MarcoImmaginiamoci quindi una parte del Popolo nostalgica della Serenissima, una parte affezionata all’Austria, che se pur era un padrone “foresto”, aveva dimostrato di amministrare bene e con tolleranza, una parte, innegabilmente, con simpatie verso l’Italia dettate dai motivi più vari.

A questo popolo mancava però una autorevole classe dirigente, che sapesse rappresentarlo difendendone le istanze. E’ emblematica la scelta dei 3 notabili, il Michiel e il De Betta per il Veneto e l’Emi-Kelder per Mantova. Figure di basso profilo, furono nominati dall’Italia, che non ne aveva giuridicamente alcun diritto per farlo: un po’ come se il ladro decidesse chi sarà l’avvocato del padrone di casa.

Altri Attori

Gli altri Protagonisti, Stati organizzati, hanno avuto facile gioco gestire le cose secondo i loro interessi, o, in altri casi, secondo il loro disinteresse. Il Plenipotenziario Francese, agli ordini di quel Napoleone III che non aveva ancora dimenticato, evidentemente, le grazie della Contessa di Castiglione, o piuttosto voleva tenersi  buono lo scomodo vicino piemontese, si trovò con le mani legate.

Justitia - Goettin der Gerechtigkeit Copyright (2002) by BilderBox.com, Erwin Wodicka, A-4062 Thening. Verwendung nur nach unseren AGB: www.bilderbox.com/agb.html ( in an einer einem auf als + und and & im beim mit einen am ) Justizia, Gericht, Gerechtigkeit, Justizbehšrden, Justizbehoerden, Rechtssprechungen, Rechtsprechungen, Gerichtshof, Tribunal, Waagschalen, Waagen, Streiten, Streitigkeiten, Symbolisches, Symbole, symbolischer, sinnbildlicher, sinnbildliches, Symbolbilder, Recht und Ordnung, Gerechtigkeitssinn, Justizbarkeit, Entscheiden, Entscheidungen, Gerichtsurteilen, Gerichtsverhandlungen, Gšttinnen, rechtmŠ§iges, rechtmaessiges, gesetzlicher, Rechtsanspruch, Gleichberechtigung, Gerichtshšfen, Urteilssprechungen, verurteilt, KriminalitŠt, Kriminalitaet, Rechtschaffenheit,Redlichkeit, Wahrheitsfindung, abgeben, sprechen, Urteilsspruch, Fairness, Fairne§, Rechtsanwaltskammern, RechtsanwŠlten, Juristen, Auslegungssache, verbrechen, siegen, siegt, Klugheit, Schlauheit, Rechtswesen, Gerichtswesen, Gerichtsbarkeit, Gerichtsverfahren, Judikatur, juristischen, Fehlurteilen, Gerichtsverhandlungen, Rechtswissenschaften, Rechtsgebiet, Justizwesen, Gesetzen, Gesetzestexten, Ungerechtigkeiten, Beklagter, Klagendes, Beklagten, Verklagender, entschiedenen, gewinnen, verlieren, verlorenen, Streitparteien, Schiedsgericht, Schlichten, Schlichtungsstellen, streiterischen, Streithanseln, Ehre, Ehrlichen, Ehrlichkeit, Glaubhaften, Zeugenaussagen,I Savoia, che perso Cavour da qualche anno, non avevano perso il vizio del gioco sporco, già ampiamente praticato nella Penisola (in Toscana, nel Regno delle Due Sicilie etc.), pur di avere il Veneto spinserol’operazione truffaldina ad un nuovo livello: la violazione piena e diretta del diritto internazionale, cioè dello jus gentium, del “diritto delle genti” che si basa sul rispetto dei patti siglati (“pacta sunt servanda”).

Rassegnata l’Austria, reduce dalla sconfitta che segnava, in realtà, l’inizio della Sua parabola discendente.

Distratto e distante, infine, il Regno di Prussia, che aveva per il prossimo futuro ben altri interessi che il Veneto e che di lì a poco avrebbe fatto pagare alla Francia il prezzo delle sue colpe sconfiggendola pesantemente fin sotto le porte di Parigi.

Come sarebbe quindi dovuta andare ?

Difficile, o troppo facile, parlare dopo 150 anni. Probabilmente il Francese Leboeuf avrebbe dovuto organizzare una scelta popolare o almeno più oculata, dei rappresentantiveneto-impiccatodel Veneto e questi, forti dell’incarico ricevuto, avrebbero dovuto e potuto organizzare un vero Plebiscito, regolare, in cui i Veneti fossero consultati e non insultati, in cui contare le varie anime del Popolo Veneto e decidere, democraticamente, il proprio destino. Il tutto sotto la protezione dei garanti francesi (oggi sarebbe l’ONU) e non certo sotto la minaccia delle baionette italiane che già occupavano militarmente il territorio. Non fu un caso che i tre notabili, la cui scelta è stata illegittimamente pilotata dall’Italia, provenissero proprio dalle tre province (Mantova, Verona e Venezia) che non avevano ancora conosciuto l’occupazione militare italiana.

Non è escluso, ovviamente, che la fazione vincente potesse risultare quella italiana anche se ci fossero state delle garanzie di imparzialità della consultazione: non lo sapremo mai.Certamente chi ha votato non era cosciente di cosa stesse votando: non vi fu alcuna informazione, neanche la minima identificazione delle conseguenze di ciascuna scelta. Se c’era una vaga idea su cosa significasse il SI’ (per l’annessione all’Italia), certamente non era chiaro cosa significasse il NO: oggi, alla luce delle ultime scoperte giuridiche, il “NO” sarebbe risultato nella creazione di uno Stato Veneto indipendente, giacché il Veneto, prima del plebiscito, era stato retrocesso “a sé stesso” ed era diventato “padrone del suo destino” (cit.).

Cosa c’è ancora da fare ?

Natale ritrovo vicino Arena VeronaOggi siamo ingiustamente legati da una scelta fatta in modo sommario e senza cognizione di causa: una scelta compiuta da altri, quando invece il diritto internazionale prevedeva che fossero i Veneti in prima persona a decidere, nel bene e nel male, il proprio futuro.

Questa è una ragione in più per rivendicare, dopo 150 anni, il diritto dei Veneti ad esprimersi, e questa volta in maniera ponderata e cosciente, sul tema annessione all’Italia. E’ un diritto riconosciuto internazionalmente ai Veneti il 3 ottobre 1866 e a ben vedere, vista l’illegittimità della consultazione del 21-22 ottobre 1866, non si tratterebbe di votare “di nuovo” ma di votare “finalmente”:

la sovranità, fin che qualcuno la rivendica, non cade mai in prescrizione.

(da vivereveneto.com)

Print Friendly

Recent Posts

3 Comments

  1. Giancarlo says:

    Bravo Pippo Gigi.
    Se andassimo a scartabellare le carte storiche…….di cui moltissime non si possono consultare scopriremmo ( per coloro che non conoscono molto bene la storia….quella vera…..) quali e quanti sopprusi ed illegalità sono state commesse in nome dell’unità d’italia.
    Il fatto che certe carte storiche siano vietate ai più dimostra dopo 145 anni per il Veneto e 150 per il resto d’italia quanti e quali misfatti si cerchi di nascondere ed occultare.
    Una nazione vera non può fondarsi sulla menzogna, su morti e distruzioni, guerre e in sostanza la negazione di quanto veramente accaduto.
    Mi fanno ancora pena gli studenti italiani che studiano una storia manipolata e falsa.
    Ma quali radici vere possono avere…….quelle di roma imperiale ???
    E noi VENETI dopo 1.100 anni di storia gloriosa e di una repubblica Serenissima invidiata per secoli da tutta Europa…..cosa dovremmo dire o fare ??
    Il povero CARLO CATTANEO lo aveva capito…senza un federalismo vero l’italia poteva essere fatta con la forza e l’inganno ma fare gli italiani era ed è impresa impossibile.
    Solo le istituzioni, chi ci lavora e tutto l’apparato burocratico e politico ha interesse a mantenere lo status quo….e possono fare tutte le commemorazioni che vogliono, ma dentro ogni italiano si sentirà sempre Napoletano,Veneto,Sardo,Toscano,Pugliese,Calabrese,Lombardo,Piemontese e via dicendo.
    I giovani, al di là della retorica italiota quali radici vere hanno ? Qual’era la loro vera lingua parlata e scritta? Quali tradizioni,cultura etc..etc.. vere hanno dentro di loro ???
    Siamo come gli americani…….che per poter sentire le loro radici sono arrivati persino a valorizzare gli indiani d’america e naturalmente il FAR WEST con morti,guerre e nefandezze varie.
    Il mondo non cambia, l’uomo non cambia…..ma alla fine cambierà tutto perché tutto ha una fine…persino l’italia !!
    WSM

  2. luigi bandiera says:

    A leggere queste cose, fatti, mi assalgono conati continui.
    Da questi fatti si dovrebbe capire quale e quanti lavaggi di cervello l’italia ha fatto per fare taliani. E CONTINUA SENZA SOSTA..!
    Poi osservando l’intellighenzia da che parte sta si evince a che punto e’ la “fabbrika” che fa i TALIANI o, meglio, TALIBANI.
    Salam

  3. Pippo Gigi says:

    Non dimentichiamo che se i veneti ebbero un plebiscito truccato i liguri non ebbero neppure quello.
    Il Concilio di Vienna stabilì il ritorno alla situazione antenapoleone, quindi doveva rinascere la Repubblica Genovese. Invece senza voto, senza consultazione venne semplicemente unita al Regno di Sardegna.
    Se per i veneti si può parlare di occupazione italiana annullabile, visti i palesi brogli, per la Liguria si parla di occupazione italiana nulla, la Liguria è de facto non appartenente alla Repubblica italiana.

Leave a Comment