VITTIME DI EQUITALIA: CARTELLE SUBITO MAGGIORATE DEL 30%

di REDAZIONE

Riceviamo e pubblichiamo

Mi chiamo Raniero e scrivo da Udine; ogni mese mi arrivano decine di lettere da parte Equitalia con la pretesa da me di €.1.300.000 circa dovute al lor dire, seguito ad una verifica fiscale che al tempo non feci ricorso, erano 800.000 nel 2003 comunque non avevo il denaro per pagare: ne ricorso ne commercialista ne eventuale sanzione transata.

Quando mi arrivano le lettere nemmeno le aprivo immediatamente le strappavo e cestinavo ora da circa due anni nemmeno le ritiro vanno direttamente in comune.

Ho 53 anni, dal tempo non posso che “delinquere” ovvero lavori a nero e con l’aiuto della mia vecchia madre che mi gira parte della sua pensione. Quanti siamo in Italia nella mia condizione, e quando mai potremo lavorare, vivere sereni e onesti,eppure non ce che vivere così aspettando che mai ci assolveranno da queste assurdita. E ci sarebbe da scrivere molto di più però inutile, grazie per la comprensione.

Raniero

——————

Ho pagato in ritardo l’ICI e la tassa sull’immondizia e mi sono arrivate delle cartelle maggiorate del 30 per cento!

E’ scandaloso multare a questi livelli chi fa fatica a pagare la valanga di tasse cui si è sottoposti.

Multe o interessi che siano, sono comunque soldi rubati.

Gabriella Franceschetti

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Esatto, bisogna unirsi e ribellarsi! Se un gruppo non paga le tasse, è facile perseguirli, ma con 100 mila l’Equi Italia già va in tilt, con un milione poi sparirebbe sotto la massa di scartoffie.Ma quando ci muoviamo?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

PAGLIARINI, LETTERA APERTA A STEFANI: PRIMA DI TUTTO TRASPARENZA

Articolo successivo

QUELLI DEI BUCATINI DAVANTI AL CAMPIDOGLIO